rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Vomero Vomero

Paola Severino, una vomerese doc nella squadra di Monti

Il neo-Ministro della Giustizia, nata a Napoli nel 1948, è originaria del quartiere collinare, dove ha vissuto stabilmente fino al conseguimento della maturità classica presso il Liceo Sannazaro, prima di trasferirsi a Roma per completare gli studi

C'è anche un pò di Vomero nel nuovo governo guidato da Mario Monti. Il Ministro della Giustizia Paola Severino, 63 anni, è infatti originaria del quartiere collinare.

Figlia di un notissimo civilista, Marcello, la giovane Paola frequenta le scuole nel cuore del Vomero, prima le medie al "Viale delle Acacie" poi il Liceo Classico Sannazaro, dove consegue la maturità.

Per gli studi universitari, poi, si trasferisce a Roma per iscriversi alla Sapienza, dove si laureerà con 110 e lode nel 1971. È solo l'inizio di una carriera che la porterà a essere prima preside di Giurisprudenza poi vicerettore della Luiss Guido Carli, nonché, da avvocato penalista, difendere personaggi del calibro di Romano Prodi nel processo sulla vendita della Cirio, di Francesco Gaetano Caltagirone nell'inchiesta su Enimont, di Cesare Geronzi per il crac della Cirio, dell'ex segretario generale del Quirinale Gaetano Gifuni nell'indagine sui fondi per la gestione della tenuta di Castelporziano.

Ha rappresentato anche l'Unione delle comunità ebraiche nel processo al gerarca nazista Erich Priebke, come si legge nel ritratto del neo-ministro redatto da Repubblica.

Ma non è tutto: la Severino non si è tirata indietro quando le hanno chiesto di difendere nientemeno che Galileo Galilei nella riscrittura teatrale di quel processo inscenata al Festival dei due Mondi a Spoleto.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Paola Severino, una vomerese doc nella squadra di Monti

NapoliToday è in caricamento