rotate-mobile
Vomero Vomero / Via Alessandro Scarlatti

Archivio Storico, un nuovo salotto culturale in via Scarlatti

Il nuovo luogo di incontro si propone come uno spazio curato nei dettagli, in cui la storia del Regno delle Due Sicilie, raccontata attraverso immagini e primati, incontra l’arte dell’architetto e designer francese Philippe Starci, a cui è ispirata la stanza bar

In Via Scarlatti 30 ha aperto i battenti "Archivio Storico", il nuovo salotto culturale vomerese. Questo luogo di incontro si propone come uno spazio curato nei dettagli in cui la storia del Regno delle Due Sicilie, raccontata attraverso immagini e primati, incontra l’arte dell’architetto e designer francese Philippe Starci a cui è ispirata la stanza bar, con i suoi quadri disordinatamente sistemati sotto il soffitto.

Al primo piano la caffetteria, aperta dalle 7 mattino, lascia spazio al tramonto e alla cultura del buon bere. A dare il benvenuto agli ospiti, il Trionfo di don Carlo di Borbone nella battaglia di Gaeta contro gli austriaci, che compare in un quadro di 1,6 metri di larghezza per 3 metri di altezza, con una porta scorrevole che conduce in uno straordinario caveau, dove le cinque sale principali sono dedicate ai cinque Re Borbone delle Due Sicilie: Carlo, Ferdinando I, Francesco I, Ferdinando II e Francesco II, con le rispettive regine.

La regia dell’Archivio storico è curata da Luca e Antonello Iannuzzi, già imprenditori del mondo dell’entertainment con il Nabilah, Alessandro Bardellino (sommelier che per l’Archivio Storico ha allestito una cantina ricercata ed esclusiva) e Serena Forlani (organizzatrice eventi) che hanno affidato il coordinamento delle ricerche a Gennaro De Crescenzo e Salvatore Lanza, presidente e segretario generale del Movimento Neoborbonico, i quali, avvalendosi della collaborazione di Giulia Martelli, Fabiana Liguori e Domenico Matania, hanno dato spazio non solo ai sovrani.

La cura del bar è affidata a Alexander Frezza, barman pluripremiato e riconosciuto a livello internazionale per la sua professionalità e competenza. "Il bar dell’Archivio Storico sarà un bar classico, sia nell’atmosfera che nell’offerta – spiega Frezza – Partiremo dalle basi della miscelazione per dare un punto di riferimento al cliente che potrà così orientarsi più facilmente nella scelta. Si darà particolare attenzione ai prodotti tipici italiani che saranno i protagonisti principali dei nostri drink, amari, vermouth, liquori e vini italiani verranno utilizzati in cocktail che ne valorizzeranno le caratteristiche territoriali e originali della nostra tradizione".

E dal bar arriva anche la chicca del luogo, il “Cocktail a porter”: "Una serie di cocktail a base di vermouth italiano, distillati e bitter imbottigliati dall’Archivio Storico, pronti per un servizio al tavolo o per essere portati a casa per un occasione speciale – conclude Frezza – Sulla bottiglia comparirà un’etichetta su cui saranno riportate la lista degli ingredienti e l’eventuale scadenza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Archivio Storico, un nuovo salotto culturale in via Scarlatti

NapoliToday è in caricamento