menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tragico incidente di giugno

Il tragico incidente di giugno

Cristina, schiacciata dall'albero: rimosso un pino nella stessa zona

L'albero aveva raggiunto una inclinazione di 45 gradi rispetto al suolo. A giugno la mamma 40enne morì in via Aniello Falcone

Tre mesi e mezzo fa, una donna di 40 anni morì schiacciata dalla caduta di un pino mentre percorreva in auto via Aniello Falcone. Nelle scorse ore i vigili del fuoco hanno provveduto a rimuovere un altro pino libanese pericolante, che si trovava nella stessa zona recintata da cui il 10 giugno scorso si abbatté l'albero che uccise Cristina Alongi.

I vigili del fuoco, dopo aver avvisato il Comune, avendo constatato che l'albero aveva raggiunto una inclinazione di 45 gradi rispetto al suolo, hanno abbattuto l'albero, all'altezza del civico 250. In caso di caduta, il pino avrebbe potuto provocare gravissime conseguenze così come avvenne nello scorso mese di giugno.

L'episodio di allora sollevò forti polemiche sull'assenza di manutenzione del verde pubblico; la procura ha aperto un'inchiesta per verificare eventuali responsabilità, soprattutto per i mancati interventi dopo l'allarme lanciato dal titolare di un bar alcuni giorni prima del tragico incidente. (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

  • Cronaca

    Lutto per il Gambrinus, è morta la storica cassiera

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento