rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Rione Alto Arenella / Via Sergio Pansini

Secondo Policlinico, maxi furto in sala operatoria

Il Nuovo Policlinico partenopeo ancora una volta teatro di furti. I ladri hanno portato via un defibrillatore, un elettrobisturi e molte altre attrezzature chirurgiche che comprendevano anche accessori high tech e apparecchiature di ultimissima generazione

Il Nuovo Policlinico ancora una volta teatro di furti. La cittadella universitaria di via Pansini è stata, infatti, oggetto di un nuovo raid. Stavolta il furto è avvenuto all’interno dell’edificio 2 nel reparto di Cardiochirurgia, ubicato al quinto piano della palazzina, nella sala operatoria del reparto, un’area dove abitualmente accede solo personale medico ed autorizzato.

I ladri, come spiega Melina Chiapparino su Il Mattino, hanno portato via un defibrillatore, un elettrobisturi e molte altre attrezzature chirurgiche che comprendevano anche accessori high tech e apparecchiature di ultimissima generazione. Materiale prezioso non solo per il suo valore economico, ma anche per il significativo e indispensabile utilizzo di tali apparecchiature in tutte le operazioni di cardiochirurgia effettuate quotidianamente dagli staff medici.

Si tratta, peraltro, di materiale ingombrante e di un certo peso, non facilmente trasportabile all’interno di borse comuni, nelle quali si rischia anche il danneggiamento.

Il danno dovrebbe ammontare a più di 30mila euro, secondo una prima rendicontazione stimata dalla dirigenza ospedaliera.

Sull'accaduto indagano i Carabinieri. Al momento, non ci sono segni di effrazione e forzature nelle porte che conducono alla sala operatoria e che, di norma, sono chiuse al pubblico. Il saccheggio, secondo i rilievi dei militari dell'Arma, sarebbe avvenuto tra le 18.45 di lunedì e le 7.30 di martedì. Non è da escludersi la pista di basisti interni all’ospedale, che avrebbero reso la strada più facile ai loro complici.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Secondo Policlinico, maxi furto in sala operatoria

NapoliToday è in caricamento