menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piazza Muzii

Piazza Muzii

Smottamento Piazza Muzii, Peluso: "Bisogna mettere in sicurezza l'area"

Il consigliere della V Municipalità del Movimento Cinque Stelle esprime la sua preoccupazione per la situazione della zona

Il consigliere della V Municipalità Mariano Peluso, leader vomerese del Movimento Cinque Stelle, ha espresso tutta la sua preoccupazione per la situazione di Piazza Muzii, teatro nelle ultime settimane di un nuovo cedimento del manto stradale.

"Digitando “smottamento piazza Muzii” sul motore di ricerca Google, - scrive Peluso sul blog del Movimento - si trovano numerosi articoli che, da quando nel 2010 hanno aperto il cantiere del parcheggio al centro della piazza, documentano numerosi piccoli e grandi cedimenti del manto stradale.

L’allargamento dei confini del cantiere nel tempo, ha provocato il restringimento delle carreggiate, in particolar modo di quella che porta a via Piscicelli da via Domenico Fontana. Proprio su questo asse, all’altezza del civico 10 di piazza Muzii, si è verificato l’ennesimo smottamento della strada. Il cedimento, oltre ai danni stradali, ha causato delle lesioni agli edifici ubicati al civico 18 di via Piscicelli (adiacente al cinema Vittoria) e al civico n.10 di piazza Muzii. Vi sono delle lesioni evidenti sulla facciata che unisce i due palazzi e danni riportati all’interno degli appartamenti di via Piscicelli.

L’episodio è iniziato venerdì 3 febbraio 2012, un giorno di pioggia intensa e di temperature bassissime mai registrate negli ultimi trent’anni. L’acqua violenta e il ruscellamento (è il fenomeno di scorrimento delle acque di pioggia sulla superficie del terreno) proveniente dalla parte alta della piazza, hanno contribuito ad indebolire la zona interessata dal dissesto.

Il cedimento e i danni relativi sono stati descritti nel fax della Protezione Civile, tempestivamente è intervenuta in data 5 febbraio 2012, con l’invito agli abitanti a non praticare i locali interessati dalle lesioni.

Nei giorni successivi abbiamo visualizzato documenti che escludevano alcune cause, come eventuali infiltrazioni dovute alla rete fognaria e a quella idrica, oltre ad una relazione del Servizio Sicurezza Abitativa che descriveva i danni subiti da alcuni locali interessati dal cedimento, ma ad oggi non siamo in possesso di una relazione tecnica che esplicitamente individui le ragioni dello smottamento dei terreni sottostanti l’edificio di piazza Muzii n.10.

A seguito di queste perizie, il giorno 10 febbraio 2012 il fax del Dipartimento Autonomo Ambientale Servizio P.R.M. Fognature e Impianti Idrici comunica che si è provveduto ad effettuare l’ordine n.8 del 7/2/2012 alla Ditta Italiana Costruttori per intervento ad oras per l’eliminazione dello sprofondamento in Piazza Muzii angolo via Piscicelli. E precisa che nella giornata di venerdì 10 febbraio 2012 i lavori sulla sede sono terminati e pertanto l’ANM può dare corso alla riattivazione delle linee dei propri automezzi.

Infatti il restringimento della carreggiata costringe tutti i veicoli pesanti e non, a passare per il sopracitato angolo, punto di apertura del cedimento. Quindi oltre allo stress meccanico per le percussioni di scavo del cantiere del parcheggio, alle infiltrazioni di acqua piovana, si aggiunge anche il peso e i numerosi passaggi di mezzi pesanti come autobus di linea, turistici e autocarri per trasporti edili legati al cantiere.

Il Comune di Napoli non sembra preoccupato da questi eventi, ma chiede ai proprietari degli immobili lesionati di effettuare le perizie del caso, ovviamente a spese loro. Spero che le risposte tecniche possano esser date quanto prima, in modo da mettere in sicurezza tutta l’area interessata dai lavori del parcheggio e scongiurare una disgrazia che ancora si può evitare, mentre credo che per le risposte legali i tempi saranno molto più lunghi", la conclusione di Peluso.

 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento