menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da 33 anni combattono per l'eredità

A Torre del Greco, nel 1977, iniziò una causa avente ad oggetto una contesa ereditaria. Per la mancanza di testamento, cinque fratelli si stanno contendendo il lascito, senza trovare soluzione

Che le cause in Italia abbiano processi molto lunghi, si sapeva, ma 33 anni per una contesa ereditaria sembra eccessivo. È Accaduto a Torre del Greco che una causa iniziata nel 1977, non sia stata ancora risolta. L'errore compiuto dai nonni, proprietari dell'eredità, è stato quello di non lasciare testamento. Da allora cinque fratelli si contendono il lascito, senza riuscire a dividerselo.

Uno dei protagonisti della vicenda, Vito Iura, poliziotto in servizio al porto di Napoli, racconta al Mattino: "Quando è iniziata questa causa avevo sedici anni. Sognavo un giorni di poter andare ad abitare in uno degli appartamenti dei miei nonni materni, oggi sono sulla soglia dei 50 e il procedimento giudiziario è ancora in corso".

La domanda è lecita: perché tutto questo tempo? "Colpa delle pastoie burocratiche", dice il legale della famiglia Iura, Feliceto Russillo.
Per ora la causa è ancora in corso. La prossima udienza è stata fissata per il 22 giugno prossimo. Intanto Vito Iura, con rancore, ha scritto perfino al Ministro della Giustizia, Angelino Alfano: " Mi sarei aspettato almeno una risposta, anche semplici scuse per colpe non sue".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento