Sabato, 13 Luglio 2024
Stella Stella / Via Arena della Sanità

Rione Sanità, un anno di visite guidate nel tratto dell'Acquedotto Augusteo

É passato un anno dalla presentazione alla città della fortunata scoperta di un tratto dell'acquedotto Augusteo del Serino nelle fondazioni del Palazzo Peschici - Maresca in Via Arena alla Sanità

Un felice anniversario per la valorizzazione dei beni archeologici del Rione Sanità. Sono passati infatti giusto 365 giorni dalla presentazione alla città di Napoli di un tratto dell'Acquedotto Augusteo del Serino, in alcuni locali terranei del Palazzo Peschici Maresca in Via Arena della Sanità.         

Una scoperta inaspettata grazie all'intuizione di Ciro Galiano dell'Associazione "Riformisti per il Mezzogiorno", incaricato di svolgere un sopralluogo per conto dell'Arciconfraternita dei Pellegrini proprietaria del locale,  osservò tra il materiale di risulta di alcuni lavori di ristrutturazione,  alcuni archi tipici riconducibili ai manufatti di epoca romana.

Dopo una fase di approfondimento storico in sinergia con Carlo Leggieri dell’Associazione "CelaNapoli”, la consulenza tecnica dell’Architetto Francesco Colussi e con l’ausilio di fonti bibliografiche, si arrivò alla conferma della tesi del ritrovamento di alcuni resti di arcate e altre strutture portanti dell’acquedotto romano.

Dopo necessari lavori di bonifica dai materiali di risulta e dopo il via libera della Soprintendenza si arrivò alla definizione di un protocollo d’intesa tra vari soggetti uniti nella valorizzazione e tutela del sito: Associazione “VerginiSanità”, Associazione “Celanapoli” “Riformisti per il Mezzogiorno”, l'Università degli Studi di Napoli “Federico II” e l'Ordine degli Ingegneri di Napoli, tutti uniti nel progetto denominato"Oltre le mura". Dopo una partecipata conferenza stampa nel Palazzo de Liguoro di Presicce, sono state organizzate tante visite guidate nel nuovo sito archeologico. Da un anno, come ricorda l’Associazione Vergini Sanità in un post facebook pubblicato sulla loro pagina ufficiale si legge:

“La soddisfazione più grande resta sempre quella di aver portato e di continuare a portare avanti questo lavoro di promozione e di valorizzazione di questa scoperta, solo ed esclusivamente con la nostra passione e i nostri sacrifici. Continueremo a farlo, integrandoci con le tante realtà che operano in questo quartiere”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rione Sanità, un anno di visite guidate nel tratto dell'Acquedotto Augusteo
NapoliToday è in caricamento