menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Agguato a Poppella, si accelera per le telecamere

Il 31 marzo verranno affidati i lavori alla ditta che ha vinto il bando, e già a fine aprile si prevede possano entrare in funzione

Saranno 13 le telecamere di videosorveglianza destinate al rione Sanità. La Regione sta accelerando i tempi della loro installazione: il 31 marzo verranno affidati i lavori alla ditta che ha vinto il bando, e già a fine aprile si prevede possano entrare in funzione. Il quartiere è sotto attacco da parte della camorra, ultimo esempio dell'aggressione della malavita il raid intimidatorio nei confronti della pasticceria Poppella.

L’accordo alla base dell'installazione delle telecamere si chiama "Sicurezza per lo sviluppo della Regione Campania-Giancarlo Siani": 346mila euro per garantire la sicurezza lungo i percorsi turistici nella zona, dal Borgo Vergini fino al Cimitero delle Fontanelle.

"Ho voluto confermare personalmente a Ciro (il titolare di Poppella, ndR) che stiamo stringendo i tempi per la gara – spiega il presidente della Regione Vincenzo De Luca – che potenzierà la videosorveglianza al Rione Sanità: tornerò qui quando avremo installato le telecamere, credo al massimo entro due mesi. Bisogna avere fiducia". De Magistris ha invece lanciato un appello al ministro dell’Interno Marco Minniti: "Auspichiamo una sua visita a Napoli per poter meglio prevenire e reprimere i reati – ha detto il primo cittadino – Serve una maggiore organizzazione delle forze dell’ordine”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento