menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Don Aniello lascia Napoli: in migliaia all'ultima messa

Don Aniello Manganiello, il prete anticamorra e da sempre in prima linea contro le mafie, è stato trasferito a Roma dove lavorerà già dalla prossima settimana. In migliaia l'hanno salutato

don-anielloDon Aniello Manganiello, il prete anticamorra, ha celebrato la sua messa di addio a Napoli. Dopo 16 anni, Don Aniello, oggetto di minacce di morte da parte della camorra, già la settimana prossima sarà a Roma dove è stato trasferito per ricoprire l'incarico di vicario parrocchiale nella chiesa di San Giuseppe, al quartiere Trionfale. Una scelta spiegata dall'Opera don Guanella con logiche di avvicendamento, e contro la quale si sono espressi nei mesi scorsi politici di destra e di sinistra.

Ieri mattina circa un migliaio di persone ha risposto all'appello riempiendo la chiesa di Santa Maria della Provvidenza al Rione don Guanella sia per la funzione delle 10 dedicata ai bimbi, sia per quella delle 11.30 riservata al resto della comunità. Le lacrime l'hanno fatta da padrone e lo stesso Don Aniello si è commosso. La sua lettera aperta, distribuita ai parrocchiani e letta durante l'omelia, una sorta di testamento spirituale ma anche un duro atto d'accusa nei confronti delle istituzioni e della Chiesa che lo avrebbero spesso lasciato solo nelle sue battaglie, è stata più volte interrotta dagli applausi e dalle grida di chi gli diceva di non andarsene.


"Una grande commozione - commenta il prete - che stempera la mia sofferenza. Mi sento violentato psicologicamente per un trasferimento che mi impedisce di proseguire un percorso. Come ho già detto obbedisco con la ragione, ma non con il cuore". Durante l'omelia Don Aniello ha esortato la Chiesa ad essere più severa nei confronti della criminalità con prese di posizione più dure: "Specie nell' amministrazione dei sacramenti - ha detto - c'é una certa superficialità. I sacramenti non si buttano via. Gesù disse di non dare perle ai porci". Quindi ha ricordato la figura del martire cileno Oscar Romero: "Anch'io come lui sono stato minacciato ed emarginato per essermi schierato dalla parte dei più poveri". Tra i parrocchiani qualcuno ha esposto dei cartelloni critici nei confronti della Chiesa partenopea. 'Signore perdona la Chiesa per quello che ha fatto', c'era scritto su uno di questi. 'No ai preti pedofili, si' ai preti anticamorrà lo striscione esposto invece dai Verdi. Un cartellone preparato dai bimbi dell'Opera Don Guanella recitava 'Don Aniello santo subito'. E' finita con cinque minuti di applausi e i fedeli che non volevano lasciare la chiesa. E con qualcuno che ha sparato fuochi d'artificio: "Sono stati i miei bambini - spiega don Aniello frenando su altre possibili interpretazioni - mi hanno voluto festeggiare così".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Mugnano: "Ancora sopra i 200 positivi attuali"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento