rotate-mobile
Scampia

La pista ciclabile arriva a Scampia: il costo sarà di oltre sei milioni di euro

Il percorso completo e le strade coinvolte

La Giunta nella seduta odierna ha approvato anche in linea economica il progetto di fattibilità tecnica ed economica relativo all’intervento di estensione della rete ciclabile cittadina a Scampia del valore complessivo di 6.500.000 di euro.

Il progetto rientra in un più ampio programma di estensione della rete ciclabile cittadina, finanziato sia con risorse del Ministero delle Infrastrutture che con risorse PNRR. L’obiettivo dei finanziamenti è rafforzare la mobilità ciclistica in ambito urbano, per raggiungere tale risultato il Comune di Napoli dispone complessivamente di 14.000.000 di euro per la realizzazione di almeno 35 km di nuove ciclabili che si sommano ai 20 Km di tratti esistenti.

Percorso

Quello settentrionale-Scampia, con la previsione di circa 16 km di percorsi ciclabili per favorire la connessione del quartiere - già interessato dalla recente realizzazione della facoltà di Medicina della Università degli studi di Napoli Federico II e oggetto di una più ampia trasformazione urbana (Restart Scampia) - con la stazione metropolitana di Piscinola e il Real bosco di Capodimonte (ingresso porta Bellaria). Il tracciato intercetta altresì numerosi attrattori, quali scuole, parchi (parco Ciro Esposito), il distretto sanitario locale e attrezzature sportive (stadio Landieri).

Quello orientale, con la previsione di proseguire il percorso ciclabile già esistente in via Ponte dei Granili, in direzione Ospedale del mare, intercettando altresì la stazione ferroviaria di S. Giovanni a Teduccio, la sede universitaria della Federico II, oltre che diversi attrattori quali parchi cittadini (parco Troisi), scuole, distretti sanitari e sedi di municipalità, per una lunghezza di almeno 8 km. A questi si andranno ad aggiungere i tratti ciclabili in corso di esecuzione nell’ambito dei lavori su Corso San Giovanni e quelli programmati e finanziati nell’ambito dell’intervento di realizzazione del BRT.

Quello nord-occidentale, con la previsione di una rete di percorsi ciclabili che favorisce l’accessibilità alle sedi universitarie della Federico II di Monte Sant’Angelo, via Claudio e Piazzale Tecchio, intercettando attrattori significativi quali la Mostra d’Oltremare, lo stadio Maradona e il Centro Polifunzionale di Soccavo. La rete ciclabile di progetto, che misura circa 11 km, favorisce altresì il collegamento con le stazioni: Campi Flegrei (linea 2), Piazza Leopardi (linea 2), Mostra (linea 6) le stazioni Mostra (Cumana) e Soccavo (Circumflegrea), nonché la stazione di Monte Sant’Angelo (linea 7), in corso di realizzazione.

“Prosegue” ha dichiarato l’assessore Cosenza “l’attuazione di interventi coerenti con il PUMS che concorrono ad incentivare la mobilità dolce, attraverso la realizzazione di un sistema organico di percorsi ciclabili e di zone 30, in maniera tale da garantire continuità alle infrastrutture ciclabili esistenti, ampliare l’offerta di percorsi ciclabili a servizio dell’intero territorio comunale e garantire l’interconnessione con le modalità di trasporto su ferro e gomma”.

“L’approvazione anche il linea economica del progetto di fattibilità approvato in sola linea tecnica ad aprile” aggiunge Cosenza “consente all’Amministrazione di rispettare i tempi del PNRR (milestone 31 dicembre 2023 per i primi 12 km di tratti ciclabili). Gli uffici stanno già lavorando per mettere a gara l’appalto integrato per progettazione definitiva, esecutiva ed esecuzione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La pista ciclabile arriva a Scampia: il costo sarà di oltre sei milioni di euro

NapoliToday è in caricamento