menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Antonio Landieri

Antonio Landieri

Giustizia per Antonio Landieri, disabile ucciso dalla camorra: cinque arresti

In manette gli autori dell'agguato in cui il 25enne, nel 2004, venne freddato con due colpi perché scambiato per uno spacciatore

In cinque, appartenenti alla fazione camorristica degli Scissionisti, sono stati arrestati dalla polizia perché ritenuti responsabili della morte di Antonio Landieri.

Vittima innocente della camorra, aveva 25 anni quando – il 6 novembre del 2004 – fu ucciso con due proiettili alla schiena in un agguato ai Sette Palazzi. Si tratta della prima persona con disabilità ammazzata per errore dai clan: era stato scambiato per uno spacciatore della zona. Anche i cinque amici che erano con lui vennero feriti alle gambe. A causa della sua disabilità motoria, non riuscì come gli altri a sfuggire ai killer.

Le indagini della Dda, svolte dalla Squadra Mobile, sono riuscite finalmente ad accertare le responsabilità e le dinamiche criminali alla base di uno degli episodi più tristi della faida di Scampia. Gli arrestati dovranno rispondere di omicidio, tentato omicidio, porto e detenzione illegale di armi, reati aggravati dal metodo mafioso.

"CURIOSO DI GUARDARE IN VOLTO I KILLER": I COMMENTI
CONTINUA

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento