rotate-mobile
Mercoledì, 18 Maggio 2022
Scampia Scampia

Palestra Maddaloni, nuovo appello: "Aiutateci a non chiudere"

Entro venerdì occorrerà pagare una bolletta della luce di duemila euro. Pena: il distacco della corrente. "Qui si salvano i ragazzi dalla camorra, diamo la possibilità di scegliere la vita lontano dalla criminalità"

Il rischio chiusura è concreto: la palestra di judo di Gianni Maddaloni, a Scampia, potrebbe chiudere entro giugno. A lanciare l'allarme lo stesso Maddaloni che denuncia l'abbandono da parte delle istituzioni, "del Governo che è un genitore assente".

Entro venerdì, il maestro Gianni, padre di Pino, judoka medaglia d'oro a Sydney 2000, deve pagare una bolletta della luce di duemila euro. Pena: il distacco della corrente. Lo sponsor privato che fino a questo momento ha sostenuto la palestra non è ora in grado di dare una mano.


Da qui l'appello: "Aiutateci tutti, qui non si fa solo sport si salvano i ragazzi dalla camorra, dal 'mal vivere'. Offriamo loro la possibilità di scegliere e conoscere la bellezza della vita lontano dalla criminalità". Maddaloni esclude con fermezza che dietro questo rischio di chiudere ci sia la pressione del clan. "Più volte - ha detto - abbiamo ricevuto telefonate di vedove, orfani e familiari di chi é in carcere che chiedevano aiuto per cambiare vità ". (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Palestra Maddaloni, nuovo appello: "Aiutateci a non chiudere"

NapoliToday è in caricamento