menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Influenza A, secondo decesso in due giorni al Cotugno

Seconda vittima dell'influenza A in due giorni al Cotugno di Napoli. Marcello Calì, un detenuto proveniente dal carcere di Poggioreale, affetto dal virus e già debilitato a causa di altre patologie, è morto ieri sera nella struttura ospedaliera dove era arrivato nel pomeriggio

Un detenuto proveniente dal carcere di Poggioreale e già debilitato a causa di altre patologie, è morto ieri sera all'ospedale Cotugno di Napoli. L'uomo affetto da influenza A,  è arrivato in ospedale nel pomeriggio di ieri e in serata è deceduto.

L'uomo, secondo quanto rende noto il direttore generale dell'ospedale Antonio Giordano, è risultato positivo al test dell'influenza A. Il paziente, che aveva un quadro clinico gia compromesso, era stato ricoverato la sera di martedì. L'uomo era diabetico e già affetto broncopneumopatia cronica ostruttiva e cardiopatia post ischemica ed obeso.

Il detenuto morto, si chiamava Marcello Calì ed era stato arrestato nel 1990. Era stato condannato per violenza sessuale su una bambina di sei anni e per omicidio. Nel 2004 Marcello Calì, originario di Aidone, un piccolo centro della provincia di Enna, tentò il suicidio nel carcere di Sulmona: si tagliò le vene ma venne soccorso in tempo dagli operatori della polizia penitenziaria. A Poggioreale era stato trasferito la scorsa primavera dal penitenziario di Reggio Calabria e proprio a causa delle sue condizioni di salute era stato destinato al centro clinico del penitenziario napoletano.

Quella di ieri è la seconda vittima in due giorni: sempre all'ospedale Cotugno, un medico di 56 anni, anche egli risultato positivo al test dell'influenza è deceduto.

Intanto, al Cotugno altre quattro persone sono ricoverate in condizioni che destano preoccupazione.
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione di giovedì 15 aprile 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento