menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Waterfront, cinque domande al Sindaco. L'associazione Pozzuoli è Tua: "Risposte poco chiare"

Il movimento cittadino è insoddisfatto dalla nota del Sindaco Magliulo. Attacco anche alla Festa dell'Architettura: "Tutto fumo negli occhi, noi vogliamo sapere"

Il progetto di ri-disegnazione della fascia costiera puteolana è ormai al centro del dibattito politico in città. Anche la neo-nata associazione “Pozzuoli è Tua”, ha chiesto, in questi giorni, spiegazioni al primo cittadino, Agostino Magliulo, su quello che sarà il futuro della fascia costiera.

LA LETTERA - Con una lettera diretta al sindaco di Pozzuoli, l'associazione politica pone degli interrogativi sulla ricaduta che avrà il Master Plan. “È da quando è stata divulgata la notizia dei finanziamenti erogati per il Waterfront Flegreo – si legge dalla lettera – che abbiamo cominciato a porci mille domande. Il nostro obiettivo è quello di conoscere e far conoscere ai cittadini la verità. Oggi, tenendo conto delle informazioni che ci arrivano, la nostra amata Pozzuoli potrebbe essere ancora una volta asservita al potere e alle speculazione di chi pensa solo alle proprie tasche”. Una riflessione e le domande: Ora cosa succederà? Ora che tutto è pronto, ora che il piatto è servito chi consentirà ai cittadini di conoscere i risvolti economici e sociali che quest'operazione avrà per il futuro del popolo puteolano? Cosa succederà a noi cittadini? Il progetto porterà reali benefici ai puteolani? Assicurerà che i lavoratori occupati siano prevalentemente puteolani? “Facciamo in modo che quest'ennesima operazione – prosegue la nota – calata dall’alto e avallata dai consueti poteri locali diventi un'occasione di riscatto per la nostra terra”.

LA RISPOSTA DEL SINDACO - Pronta sul social network Facebook, la risposta del primo cittadino, con una nota pubblicata sul suo profilo: “Mi par di capire che le vostre domande siano il frutto di preconcetti – si legge. Ora Pozzuoli ha una grande opportunità, ovvero riappropriarsi di una sua vocazione naturale: quella turistica e culturale. Per fare questo il Comune ha puntato e punterà al ridisegno della linea di costa, di cui il Waterfront che voi citate è solo un piccolo segmento”. Poi l'ing. Magliulo accenna anche alla Festa dell'Architettura: “proprio per questo – scrive – ho deciso di fare a Pozzuoli, per la prima volta in Italia, la festa dell’Architettura dove i cittadini saranno chiamati a quella che si suol dire una “urbanistica partecipata” e dove gli stessi professionisti tra cui l’archistar Eisenmann spiegherà ai cittadini, agli imprenditori e a quanti vorranno ascoltare il progetto di ridisegno della linea di costa”.

L'ATTACCO DI POZZUOLI è TUA - Non si ritengono minimamente soddisfatti della risposta i membri dell'associazione “Pozzuoli è Tua”. «Ha dato fastidio la risposta – afferma la portavoce del movimento, Teresa Cannavacciuolo – non è stata chiara, il sindaco non ha risposto alle nostre domande, ha usato la lettere per un annuncio, ma noi vogliamo sapere tutt'altra cosa. Pozzuoli è Tua – continua Cannavacciuolo – vuole sapere i cittadini che fine faranno. Secondo noi ci ha usato per dare una notizia che no aveva niente a che fare con la nostra lettera. Abbiamo fatto domande precise a cui non ha dato risposta». L'associazione politica sta anche pensando di organizzare un incontro con associazioni e partiti, che faccia chiarezza sul progetto. «Non siamo contro al progetto – chiosa ancora la portavoce – perché non possiamo essere contro a qualcosa che non conosciamo». Molto critici anche rispetto alla paventata Festa dell'Architettura, che si terrà a Pozzuoli: “In questo momento – fa sapere il movimento – non è urgente fare la festa dell'architettura, è come buttare fumo negli occhi”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento