menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pozzuoli: Sunia e cittadini contro la bolletta dell'acqua

Contro le bollette dell’acqua una lettera di contestazione collettiva. Parte l’azione del sunia area flegrea nei confronti del comune di Pozzuoli

Il Sunia dell’area flegrea si muove contro la macchina comunale. Le tasse dall’acqua sono al centro della dibattito che il sindacato che difende gli inquilini delle case popolari sta conducendo nei confronti della gestione commissariale. Una lettera di contestazione collettiva per rispondere alle richieste di pagamento degli arretrati delle bollette dell’acqua. In queste ultime settimane, infatti, il Servizio Acquedotto del comune di Pozzuoli, ha inviato una serie di bollettini di pagamento, per riscuotere la tassa, anche di aliquote precedentemente non pagate, quindi in debito nel bilancio comunale. L’ idea del Sunia Area Flegrea, quindi, quella di muovere un’azione collettiva per rispondere ai bollettini inviati. Il sindacato degli inquilini, attivatosi fin da subito, sta raccogliendo, in questi giorni, le firme di numerosi cittadini che ritengono esose e fuori dai termini di prescrizione le richieste di pagamento. «Non siamo a favore di chi non vuole pagare l’acqua – avvertono dal Sindacato, sito proprio tra le case popolari del megaquartiere di Monterusciello - anzi invitiamo la cittadinanza a pagare sempre e regolarmente i bollettini: l’acqua deve essere pagata». Tuttavia, si legge nella missiva indirizzata al Servizio Acquedotto del Comune di Pozzuoli: “dobbiamo riscontrare e contestiamo in nome e per conto dei nostri assistiti le richieste di pagamento relative a presunti consumi idrici pervenute nei giorni scorsi”. Il Sunia, difatti, ritiene che parte delle pretese creditorie risultano ampiamente prescritte ai sensi dell’articolo 2948 del Codice Civile e così come

riscontrato anche dalla Prefettura di Napoli nella nota circolare nr 356 del 25 ottobre 2000 inviata a tutte le amministrazioni pubbliche”. Allo stesso momento il Sindacato ritiene i propri assistititi pronti a corrispondere quanto da loro effettivamente dovuto a seguito della rielaborazione de i conteggi. Il pagamento degli arretrati, però, secondo gli uffici comunali, dovrebbe avvenire in un
sola volta, cosa che il sindacato vorrebbe scongiurare. Dilazionare con più rate il pagamento delle cifre arretrate è la richiesta che il Sindacato Nazionale Unitario Inquilini ed Assegnatari fa al comune di Pozzuoli. «Il Sunia – dichiara Gaetano Palumbo, segretario di zona del sindacato degli inquilini – vuole chiedere al Comune di Pozzuoli di tutelare i cittadini di buona volontà che vogliono pagare con maggiore tranquillità il pagamento pregresso. Il Comune dovrebbe rateizzare in base al reddito della famiglia e del debito che essa ha nei suoi confronti. Pertanto chiediamo una maggiore rateizzazione poiché molte famiglie riversano in condizioni socio-economiche disagiate. In più manifestiamo il nostro disappunto per la morosità lievitata creando così allarmismo ingiustificato tra la popolazione».

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento