menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Agenzia delle Entrate

Agenzia delle Entrate

Redditometro bocciato da un giudice di Napoli: "Lede la riservatezza"

Sentenza della sezione di Pozzuoli che ha accolto il ricorso di un pensionato residente nella cittadina flegrea. "Si conoscono gli aspetti più privati della vita del cittadino, anche le spese per cure mediche"

Il redditometro non può sacrificare la sfera privata del singolo cittadino: lo sostiene una sentenza della sezione di Pozzuoli del tribunale di Napoli che ha accolto il ricorso di un pensionato residente nella cittadina flegrea, assistito dall'avvocato Roberto Buonanno. Il pensionato ha lamentato che attraverso il monitoraggio delle spese si possono conoscere anche gli aspetti più privati della vita del singolo cittadino, includendo anche le spese per cure mediche. E il redditometro finirebbe per passare al setaccio anche le spese per soggetti diversi dal contribuente. Ragioni che il giudice Antonio Lepre - scrivono alcuni quotidiani - ha ritenute fondate costituendo così un precedente giurisprudenziale destinata a far discutere. Il giudice - ha confermato stamani l'avv. Buonanno - ha anche ordinato la cancellazione dei dati acquisiti.

Lo stesso Buonanno ha evidenziato come "l'azione della pubblica amministrazione debba essere proporzionata ai fini dell'interesse pubblico che essa persegue". Il redditometro, scrive il giudice Lepre nel dispositivo "non fa alcuna differenziazione tra 'cluster' di 'contribuenti'' bensì "del tutto autonomamente opera una differenziazione di tipologie familiari suddivise per cinque aree geografiche". Il cittadino verrebbe privato "del diritto ad avere una vita privata" e di essere "quindi libero nelle proprie determinazioni senza dover essere dover essere sottoposto all'invadenza del potere esecutivo e senza dover dare spiegazioni dell'utilizzo della propria autonomia e senza dover subire intrusioni anche su aspetti delicatissimi della vita privata". Per il giudice Lepre il redditometro finisce anche per accomunare "situazione territoriali differenti in quanto altro é la grande metropoli altro è il piccolo centro e altro ancora é vivere in questo o quel quartiere".


Lepre osserva che all'interno "della medesima Regione e, anzi, della medesima Provincia vi sono fortissime oscillazioni del costo concreto della vita, così come altrettanto forti oscillazioni vi possono essere all'interno di un'area metropolitana". Così i "contribuenti delle zone più disagiate perderanno anche, per così dire, il vantaggio di poter usufruire di un costo della vita inferiore in quanto gli sarà imputato in ogni caso il valore medio Istat delle spese". Soddisfatto l'avvocato Buonanno, difensore del pensionato: "La visibilità totale delle attività e dei comportamenti di tutti i cittadini non è il simbolo di una società aperta e liberale". (Ansa)

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

  • Cronaca

    Lutto per il Gambrinus, è morta la storica cassiera

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento