Pozzuoli

Pozzuoli: resta il piano traffico, bocciata la proposta dell'opposizione

La proposta dell'opposizione era quella della revoca del piano. Bocciata da tutta la maggioranza intera

Con 5 voti a favore da parte dei soli consiglieri della minoranza di centrodestra che avevano proposto la delibera e il voto contrario unanime di tutti i consiglieri della maggioranza di centrosinistra e del consigliere dei Verdi, il Consiglio comunale ha bocciato ieri sera la proposta di delibera per la revoca del Piano traffico nella zona del centro storico-Porta Napoli. Una seduta trasmessa, come sempre, in diretta streaming sul sito del Comune di Pozzuoli e che ha registrato un boom di contatti, con punte anche di 1500 utenti singoli collegati contemporaneamente dal pc. Dopo gli interventi introduttivi dei firmatari della proposta, ha preso la parola il sindaco Vincenzo Figliolia, che ha illustrato il lavoro fatto in questi mesi e lo spirito del piano viabilità per ridurre lo smog e razionalizzare il traffico autoveicolare.

«Siamo un’amministrazione politica seria, che si confronta quotidianamente e su tutti i problemi della città, guardando però con lungimiranza al bene collettivo – ha detto in aula consiliare il sindaco Figliolia – Noi non siamo contro nessuno e quando ho firmato il dispositivo che disponeva i nuovi sensi di marcia in via Marconi e nell’area di Porta Napoli l’ho fatto solo dopo un lungo confronto con la città, le parti sociali, i commercianti e nell’ottica del miglioramento della vivibilità di chi abita in centro, anche alla luce dell’imminente apertura dei cantieri del PIU Europa con il restyling di piazza della Repubblica e di parte di via Fasano. La città è di tutti gli 85mila residenti e noi abbiamo il dovere di ragionare sulle singole decisioni sempre tenendo uno sguardo d’insieme, ripartendo dalle regole dopo otto anni di totale anarchia. Sarebbe stato semplice e comodo lasciare tutto com’era, nel completo caos. Ma da sindaco che vive la città, che abita tra l’altro a ridosso della zona in cui vige il piano traffico e che dunque è coinvolto nel dispositivo come tutti gli altri, non potevo non vedere che migliaia di residenti sono tappati in casa per colpa dello smog, che l’aria è irrespirabile e che in nessuna strada d’Europa si vede una stradina come via Marconi, con due tornanti nei quali le auto sui sensi di marcia opposti si devono fermare per evitare incidenti. In ogni caso, da amministratore attento ai bisogni dei suoi concittadini, sarò il primo a proporre modifiche a questo piano traffico ma solo dopo attenta e meditata valutazione, senza farsi travolgere dall'onda dell'emotività e, comunque, non dopo appena 2 mesi di sperimentazione. E' un piano oggettivamente migliorabile, ma senza isterismi e frenesie e senza coinvolgimenti emotivi. Ricordo a me stesso e a tutti voi - ha detto ancora il sindaco Figliolia in aula - quanto accaduto dieci anni fa con le istituzioni delle Ztl della prima giunta Figliolia. Ci furono critiche e manifestazioni di protesta molto più dure di quelle oggi, ma alla fine tutti i sindaci e i commissari straordinari che si sono succeduti dal 2005 ad oggi hanno confermato quei provvedimenti. La mia giunta del 2001-2005 anticipò di molti anni quello che hanno fatto appena l'anno scorso la città di Napoli e altri grandi Comuni. Pozzuoli non ha bisogno di sterili contrapposizioni emotive, ma solo di costruttivo dialogo lungimirante». Dopo l'intervento del sindaco, i capigruppo consiliari di Pd e Sel hanno dichiarato il loro appoggio all'operato del sindaco e la successiva votazione si è chiusa con la bocciatura della proposta della minoranza di centrodestra della delibera per la revoca del piano traffico.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pozzuoli: resta il piano traffico, bocciata la proposta dell'opposizione

NapoliToday è in caricamento