menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Discarica del Castagnaro

Discarica del Castagnaro

Discarica del Castagnaro, nominato un nuovo commissario

La lettera integrale del Comitato contro la Discarica nel Castagnaro, dopo la scelta di Caldoro di nominare un nuovo commissario straordinario ai rifiuti

“Ancora una volta un Commissario straordinario! In pieno agosto, smentendo il Ministro Clini che proponeva la fine del tempo dei Commissari straordinari ai rifiuti, Caldoro ne nomina uno nuovo per la individuazione delle discariche per le province di Napoli e Salerno. In questo modo il Presidente della Regione continua a sfuggire dalle proprie responsabilità politiche e amministrative sfruttando un Commissario che potrà, con i poteri speciali che gli sono attributi, anche non rispettare le procedure poste a tutela dell'ambiente e della salute delle persone. Questa scelta va contrastata perchè i campani sono stufi di essere cittadini dimezzati, senza diritti, cittadini di serie B! Basta sperperare denaro pubblico per sviluppare un piano copia di quello già proposto dopo 20 anni di emergenza in Campania: discariche, inceneritori e morte! Basta arricchire solo la più grande lobby campana, la camorra! Nominare un commissario nel mese di agosto per redigere il nuovo piano discariche ci sembra una scelta non casuale: agosto, meno gente e meno intralci, tutto si può fare in spregio dei diritti dei cittadini ignari. Ma noi resistiamo e vigiliamo e, dopo la disastrosa esperienza del commissario Vardè, siamo sempre più convinti che sia arrivato il momento di escludere da qualsiasi piano il Castagnaro. Vogliamo ricordare al nuovo Commissario che contro l'ipotesi di discarica al Castagnaro oltre 40.000 cittadini sono scesi in strada e, convinti dalle nostre valide ragioni, hanno detto un NO! netto e definitivo a questa ipotesi le Amministrazioni Comunali di Pozzuoli, Quarto, Bacoli e Monte di Procida, il Sindaco e il Consiglio Comunale di Napoli, il Consiglio Regionale della Campania, il Consiglio e il Presidente della Provincia di Napoli, ma anche la Camera e il Senato approvando rispettivamente un o.d.g. e una raccomandazione, il Presidente del parco dei Campi Flegrei, la Soprintendenza dei Beni Archeologici e le maggiori Autorità Ecclesiali del territorio. Tutti hanno detto NO alla montagna di monnezza che si voleva realizzare in un area a protezione integrale, in zona di pregio archeologico, con rischio frane, al centro di un abitato. Il nuovo Commissario prenda atto della ormai accertata inidoneità del Castagnaro e la escluda dal suo nuovo piano. Secondo noi é il momento di cambiare rotta, bisogna promuovere un ciclo virtuoso dei rifiuti impostando un piano completamente diverso. La comunità scientifica valuta ormai un aumento del 40% dei tumori in Campania, in netto contrasto con il trend nazionale. A nostro avviso chi non si oppone e avalla questo stato di cose è complice della morte di una regione e soprattutto dell'agonia di un popolo. Ci preoccupa che la scelta di questo commissario possa essere stata dettata dalla sua esperienza, come Vice Prefetto di Torino, in materia di ordine pubblico piuttosto che dalle sue competenze in materia ambientale e di salvaguardia del territorio. Come abbiamo detto più volte “noi non vogliamo un'altra Pianura” e quindi chiediamo al Commissario straordinario, Raffaele Ruberto, di prendere atto delle innumerevoli e solide ragioni per cui non si può realizzare un sito per lo smaltimento dei rifiuti in località Castagnaro e di non ripercorrere la strada sbagliata tracciata dal suo predecessore Vardé. Chiediamo un incontro immediato al nuovo Commissario per esporre le ragioni di un NO! alla discarica al Castagnaro e le nostre proposte per un ciclo virtuoso dei rifiuti. La popolazione, con imponenti manifestazioni cui hanno partecipato migliaia e migliaia di persone, in questi nove mesi ha dimostrato di volere resistere e forti di questo possiamo dire che la nostra battaglia di civiltà e a tutela della salute di tutti gli abitanti dell’area flegrea non si fermerà”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Attualità

Concorsone Sud 2800 posti: le date della prova scritta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento