Monterusciello

Continua la protesta studentesca nell’area flegrea: scuole occupate

Porte e cancelli blindati all'Istituto Ettore Majorana, proteste a catena in tutte le altre scuole di Pozzuoli. In programma un corteo studentesco per le strade cittadine

Non si ferma la protesta degli studenti nell'area flegrea. I professori del liceo Scientifico “Ettore Majorana” di Monterusciello hanno trovato porte e cancelli blindati: gli studenti in nottata hanno occupato l'intero istituto. Una mattinata non molto “tranquilla” per il Dirigente scolastico, prof. Riccardo Gull, che stando a quello che dicono gli studenti, avrebbe intenzione di denunciare due dei quattro rappresentanti d'istituto della scuola che senza indugi hanno prontamente provveduto a fornire tutti i documenti alle forze dell'ordine.

«Questo atto di denuncia – hanno affermato i due rappresentanti – non è altro che l’ennesimo segno di una scuola che continua a comportarsi come un regime repressivo nei confronti degli studenti». Proprio per questo, tra qualche giorno tutti gli studenti del liceo consegneranno i propri documenti d’ identità alle forze dell’ordine, in segno di solidarietà.

All’istituto Majorana, comunque, tanti sono gli studenti di altre scuole che durante la giornata fanno visita ai liceali, per chiedere consigli sulla mobilitazione e le autogestioni. «Abbiamo intenzione di continuare – ha affermato uno dei rappresentanti d’istituto, nonché coordinatore dell’Uds nell’area flegrea, Mattia Cortese – la nostra occupazione sta facendo da spinta per la mobilitazione in tutta l’area flegrea e siamo orgogliosi di questa cosa».

Proprio ieri gli studenti del Majorana per rivendicare il loro intervallo (negato) durante l’occupazione hanno organizzato un “intervallo” durante il quale sono usciti tutti fuori al cortile per socializzare con gli altri studenti impegnati nei laboratori, proprio “per far capire l’importanza e la nostra compostezza in un contesto del genere”.

Intanto altre scuole si accodano alla protesta. L’istituto Pitagora di Toiano è stato occupato, idem l’Itis di Pozzuoli e l’istituto Alberghiero di Monterusciello che a fine di un’assemblea d’istituto ha preso la decisione di occupare la struttura in segno di protesta. A sostegno degli studenti dell’area flegrea anche tutto il ordinamento regionale del sindacato “Unione Degli Studenti” della Campania: «Quella dell’area flegrea – ha affermato il coordinatore regionale, Pasquale Di Domenico – è un pezzo di protesta importante per tutta l’area del napoletano, sia per il livello di mobilitazione che stanno mettendo in campo ma anche per la preparazione di chi sta gestendo assemblee e autogestioni. L’area flegrea – prosegue Di Domenico – avrà un ruolo fondamentale anche nella manifestazione del 14 dicembre. Noi, infatti, continueremo le proteste fino al 14, data nella quale scenderemo in piazza con una manifestazione organizzata». Ma anche a Pozzuoli gli studenti continuano ad organizzarsi, nelle ore pomeridiane le scuole occupate stanno diventando sedi di grandi riunioni tra i rappresentanti d’istituto, che programmano il prossimo corteo studentesco per le strade cittadine di Pozzuoli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Continua la protesta studentesca nell’area flegrea: scuole occupate

NapoliToday è in caricamento