Bacoli

Bacoli, la CGIL: "Il comune taglia 1200 euro a dipendente"

Il sindacato bacolese contro l'amministrazione guidata da Ermanno Schiano

Dopo due mesi di trattative l’Amministrazione non torna indietro e fa cassa tagliando 1200 euro a dipendente. Con il taglio lineare vengono penalizzati tutti gli Uffici e svalutati sia la professionalità che l’impegno di gran parte dei lavoratori del Comune di Bacoli. Inoltre nel “piano” budget di produttività non viene adottato il criterio di tagli “proporzionali e progressivi”, proposto dalla CGIL di Bacoli.

“Così – si legge da una nota diffusa dal sindacato – ci sono ulteriori discriminazioni, si allarga la forbice e il divario retributivo. Pagano solo i lavoratori; non si intende combattere l’evasione ed elusione fiscale (circa 20 milioni di euro) dei ricchi, furbastri e potentati locali. Nessuna proposta sindacale di recupero e/o riduzione (anche parziale) del “taglio” viene accettata, né si è voluta rivedere la spesa generale e quella delle Partecipate (Flegrea Lavoro). Si è in ritardo per la vendita degli immobili e si indugia sulla Tarsu”.

Quindi restano tutte le incognite di un ulteriore “sforamento del patto di stabilità” e di approvazione di Bilancio, con il pericolo concreto di esuberi, mobilità e difficoltà di liquidità e di pagamento degli stipendi. In una drammatica crisi economica e tagli di organici negli Enti Locali, ancora una volta saranno i dipendenti a subire danni maggiori nella doppia veste di cittadini e lavoratori.

“Di fronte a questo quadro nazionale – continua la nota – che colpisce le famiglie, soprattutto monoreddito, e sull’impossibilità di un dialogo e mediazione a livello locale, come già detto in Assemblea, pur nel rispetto delle opinioni altrui, abbiamo deciso di non firmare l’accordo. Ci sedemmo dalla parte del torto visto che gli altri posti erano occupati (Brecht). Resta ovviamente l’amarezza di non essere stati capaci di convincere, la parte pubblica, politica e sindacale a rivedere una ingiusta e testarda decisione. Perché come diceva Marcello Marchesi : “Lo schiavo si affeziona. L'impiegato no”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bacoli, la CGIL: "Il comune taglia 1200 euro a dipendente"

NapoliToday è in caricamento