menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Piscina Mirabilis (foto RaBoe/Wikipedia)

Piscina Mirabilis (foto RaBoe/Wikipedia)

“La Piscina Mirabilis cade a pezzi: all'estero luoghi simili sono attrattori turistici”

La denuncia sulle condizioni della malta idraulica flegrea proviene dagli attivisti di Freebacoli, che sottolineano: "Ad Istanbul un'opera gemella è tenuta come un gioiello, ed attira schiere di turisti"

La Piscina Mirabilis di Bacoli, antica malta idraulica, è in rovina. La denuncia proviene dagli attivisti di Freebacoli: “Il sito si sta lentamente sgretolando, occorre maggiore attenzione per i nostri tesori archeologici”.

L'intonaco idraulico, utilizzato dai romani per impermeabilizzare l’antica cisterna scavata nel tufo (enorme: 15 metri di altezza, 72 di lunghezza e 25 di larghezza), cade a pezzi. Precipita giù dall'imponente soffitto con volte a botte, con una frequenza tale da costringere le autorità a transennare l'intera area.

Per Josi Gerardo Della Ragione, leader di Freebacoli e consigliere comunale della cittadina flegrea, “è un pugno allo stomaco vedere immagini simili”. “La Piscina Mirabilis – prosegue il consigliere al Corriere del Mezzogiorno – è la cisterna d’acqua potabile d’epoca imperiale più grande mai scoperta in occidente”. Della Ragione sostiene, inoltre, che un'opera estremamente simile presente ad Istanbul “è tenuta come un diamante e riceve quotidianamente schiere di turisti”.

“Qui, dove i padri sono disoccupati ed i figli devono emigrare per cercare lavoro – ha concluso nella sua denuncia il consigliere – riconsegnare dignità alla nostra storia non è più un’opportunità, ma un dovere”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Lotto, estrazione giovedì 21 gennaio 2021

Attualità

Gomorra 5, la stagione conclusiva è alle porte: anticipazioni puntate

Arredare

Vomero: apre un mega Scavolini Store

Cura della persona

Ecco quando ingrassiamo di più nella vita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento