Bacoli

Bacoli, Guardascione: "Sforzo di tutti per il patrimonio culturale"

L'assessore, con una lettera, ha risposto al Coordinamento delle Periferie in merito alla questione delle Grotte Dell'acqua, più volte oggetto di assemblee e riunioni del coordinamento

Grotte dell'acqua

Dimostrando attenzione l’assessore Flavia Guardascione ha risposto alo Coordinamento delle periferie, fornendo alcune “rassicurazioni” sul futuro delle “grotte dell’acqua” in particolare sulla loro fruibilità pubblica e sulle modalità che l’amministrazione vuole seguire per il recupero e valorizzazione dell’area

Di seguito la lettera dell'assessore Guardascione:

     "Gentili Componenti del Coordinamento delle Periferie, osservo con piacere che l’ attenzione sui nostri comuni beni archeologici è sempre viva da parte Vostra, pertanto vorrei rassicurarVi in merito alle Vostre preoccupazioni, precisando che il programma di recupero che Noi intendiamo mettere in atto per tutti i nostri beni archeologici non prevede affatto una interdizione degli stessi ai cittadini bensì al contrario un avvicinamento e una piena fruizione di essi nel rispetto di tutti i parametri di tutela previsti dalla legge.

     Nel caso delle cd. Grotte dell’ acqua, per le quali si manifesta uno spiccato interesse da parte Vostra ( mi auguro che lo stesso interesse accompagni anche le vicende del Colombario, sempre al Fusaro e tutti gli altri beni ) , il programma di recupero da Noi proposto può dirsi articolato e complesso in quanto comprende azioni di tutela, di ricerca archeologica, di valorizzazione e di fruizione. L’ azione di tutela ( preciso che il termine deve intendersi in modo letterale e nel senso di materia esclusiva del Ministero dei Beni culturali, non concorrente ) , come sulla stampa era spiegato, si esplicherà con un primo e inderogabile intervento di restauro consolidativo delle strutture e delle volte in pericolo di crollo, che speriamo di poter avviare al più presto, e che sarà concordato con la Soprintendenza speciale ai Beni archeologici di Napoli e Pompei, il cui funzionario responsabile per l’ area in oggetto, il dott. Paolo Caputo, ci legge in copia.

     Le azioni di valorizzazione e ricerca archeologica verranno articolate con l’ accordo della sopra nominata Soprintendenza, con cui è già stato avviato da parte della scrivente un dialogo e un confronto scientifico-istituzionale, e riguarderanno interventi di pulizia e messa in luce degli ambienti al momento emergenti e affioranti dalle acque, rilievi di dettaglio del complesso al momento carenti, elaborazione di documentazione scientifica e didascalica ; per questa fase è stato avviato dalla scrivente un dialogo con alcuni atenei partenopei per avviare una convenzione con il Comune, volta a far diventare il sito, ma anche altri siti bacolesi, un centro di attività culturale e formativo mediante attivazione di tirocini e stages per studenti ( gran parte della platea studentesca in oggetto è flegrea ! ) .

     Le azioni di fruizione, il fine ultimo e importantissimo del Nostro progetto, coinvolgeranno attivamente la comunità bacolese, che sono certa risponderà in modo positivo e propositivo, con il coinvolgimento delle risorse umane del territorio ormai sempre più sensibili alle proprie ricchezze paesistiche e storiche: pensiamo infatti di attivare ( già sono state deliberate le linee di indirizzo in merito ) una manifestazione di interesse mediante avviso pubblico rivolto alle associazioni di volontari del territorio per la gestione del sito. Questo creerà opportunità di crescita economicosociale soprattutto per i giovani e finalmente una valorizzazione del sito e del territorio in generale. Naturalmente per porre in atto questo programma occorrerà del tempo e molti sforzi e mi auguro anche la collaborazione di quanti, come Voi, hanno a cuore il patrimonio culturale bacolese.

     Un’ ultima precisazione vorrei fare sulla recinzione dell’ area in oggetto: con il termine, evidentemente usato in ambito di comunicazione giornalistica, non deve intendersi una barriera fisica invalicabile, bensì più genericamente una forma, non ancora stabilita e da stabilire di concerto con le Soprintendenze, che ripeto hanno la piena discrezionalità sugli interventi di tutela, di protezione mininvasiva e non impattante né visivamente né in profondità, che funzioni da deterrente ad atti di vandalismo e vituperio che ad oggi si sono perpetuati nel sito".

Nel ringraziarVi per l'attenzione, porgo cordiali saluti

Dr.ssa Archeo Ass.re Flavia Guardascione

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bacoli, Guardascione: "Sforzo di tutti per il patrimonio culturale"

NapoliToday è in caricamento