menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Pugnalato dai rapinatori": ma si era inventato tutto per nascondere i debiti di gioco

L'uomo aveva denunciato ai carabinieri di essere stato avvicinato da tre giovani a bordo di uno scooter che gli avevano sottratto 480 euro per poi ferirlo. Tutto falso

A San Giovanni a Teduccio i carabinieri hanno denunciato in stato di libertà per simulazione di reato un 31enne del luogo, già noto alle forze dell'ordine.

L’uomo, il giorno precedente, aveva denunciato ai carabinieri di essere stato avvicinato da tre giovani a bordo di uno scooter di grossa cilindrata, con il viso parzialmente coperto ed armati di un coltello, che l'avevano costretto a consegnare il suo portafogli contenente 480 euro in contanti.

L'uomo nelle dichiarazioni mendaci aveva affermato di essere stato aggredito con calci e pugni e di essere stato ferito a un braccio da un fendente. I carabinieri hanno accertato che la rapina non si era mai verificata e che il 31enne aveva inventato tutto per coprire dei debiti di gioco agli occhi della propria famiglia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cura della persona

    Come usare il blush per riequilibrare la forma del viso

  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento