PomiglianoToday

Inquinava e rubava energia elettrica: sequestrata officina

L'operazione dei carabinieri è avvenuta a Pomigliano D'Arco, sulla masseria Chiavettieri. Tra le tante irregolarità riscontrate lo scarico di acque inquinate direttamente nelle fogne

Carabinieri

A Pomigliano i carabinieri hanno stamane ispezionato un'officina su via Masseria Chiavettieri: la mole di irregolarità riscontrate ha portato alla denuncia – per violazione delle norme per la tutela dell'ambiente, e altro – i due titolari di 39 e 62 anni.

Innanzitutto i militari hanno constatato che lo smaltimento delle acque nere e reflue avveniva direttamente nelle fogne, senza alcun passaggio attraverso le obbligatorie vasche di decantazione. Inoltre, nell'officina, sono stati rinvenuti rifiuti speciali e pericolosi tra cui batterie esauste, pezzi di motore, oli usati e parti meccaniche.

Ma le irregolarità riscontrate non riguardavano solo la violazione di norme sull'ambiente. Era stato manomesso il contatore dell'energia elettrica (grazie ad un magnete), e nella zona destinata all'ufficio sono state ritrovate numerose polizze assicurative contraffatte. L'intera struttura è stata sequestrata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vietato uscire a Natale e a Capodanno fuori dal comune: "Non sarà possibile raggiungere i nonni"

  • Revenge porn, arrestato un 43enne. Diffusi sui social video intimi con la moglie

  • Sindrome di Kawasaki (o simil Kawasaki): 5 i casi a Napoli

  • Le migliori dieci canzoni su Diego Armando Maradona: la classifica

  • Scossa di terremoto nella zona flegrea: l'evento sismico avvertito dalla popolazione

  • Conte annuncia il nuovo Dpcm sulle festività natalizie: tutte le misure

Torna su
NapoliToday è in caricamento