PomiglianoToday

Enam, ancora proteste. I dipendenti: "Pomigliano resterà sommersa dai rifiuti"

"Non ci pagano gli straordinari e abbiamo deciso di non raccogliere più la spazzatura". E ancora: "Il sindaco ci dice di pulire la città e solo dopo potremo parlare della situazione aziendale, ma conosciamo questo giochetto"

Incontro dipendenti Enam-Sindaco

Un centinaio di lavoratori dell'Enam di Pomigliano D'Arco, società a capitale pubblico,  questa mattina ha fatto  un'assemblea davanti al Comune per chiedere un incontro con il sindaco Lello Russo, in seguito al licenziamento di un dipendente, sindacalista della Fiadel.

I lavoratori che sono in agitazione dalla scorsa settimana, protestano contro il cda dell'Enam che, dicono, " sta attuando un clima conflittuale con le maestranze". Oltre a Donato Capobianco, il sindacalista licenziato nei giorni scorsi, c'é anche Antonio Iasevoli, dipendente licenziato a giugno del 2012.

"Non ci pagano gli straordinari e noi abbiamo deciso di protestare non raccogliendo più la spazzatura". L'incontro con il sindaco, avvenuto in mattinata, non sembrerebbe aver portato ad alcuna soluzione. "Lui ci dice di pulire la città e solo dopo potremo parlare della situazione aziendale- continua un dipendente-  Ma questo giochetto già ci è stato fatto qualche settimana fa. Abbiamo fatto il nostro dovere anche più del dovuto, ma l'incontro non è avvenuto e non è stato fatto nulla".


"Protesteremo fino a quando non otterremo qualcosa. La città, per noi, potrà restare sommersa dalla spazzatura". Scioperando, però, i lavoratori rinunciano anche al loro stipendio giornaliero. Una protesta sul filo del rasoio che manda nel panico i cittadini.

Le strade, anche le più centrali, sono praticamente piene di sacchetti di ogni tipo. " É una vergogna- ha dichiarato un passante- ci andiamo sempre di mezzo noi e la nostra salute". Il signore, di mezza età e un passato da imprenditore, ci ha accompagnato in una passeggiata tra la spazzatura, facendoci vedere tutti i luoghi dove non è stata ancora fatta la raccolta". Caso esemplare, lo spiazzale del mercato, dove le macchine sono parcheggiate tra i cartoni ammassati. 

" Sindaco, riusciremo a ripulire la città entro oggi?- gli abbiamo chiesto- Non lo so, dovete parlarne con i sindacati". Una situazione di stallo, quella pomiglianese, che coinvolge l'Enam, i dipendenti, il sindaco, il comune ed i cittadini tutti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Reddito di Cittadinanza, in 24 trovano lavoro: ecco cosa faranno

  • Grave lutto per Salvatore Esposito: “Il Covid se l'è portato via”

  • Grave lutto scuote Napoli, muore 24enne incinta al quarto mese

  • Coronavirus, Campania zona gialla da lunedì 18 gennaio: l'indice Rt è inferiore a 1

  • Il gelo invade la Campania: arriva la prima neve su Napoli

  • Campania zona gialla, ristoranti e bar con servizio al tavolo e al via i saldi invernali

Torna su
NapoliToday è in caricamento