Pomigliano

Pomigliano, sesso e droga minacciando di raccontare tutto alle mogli

Sette le persone arrestate nell'operazione Ceres che ha interessato le province di Forlì-Cesena, Lecce, Enna, Napoli e Livorno

C'è anche un pomiglianese tra le sette persone arrestate l'altro ieri con l'accusa di spaccio continuato di sostanze stupefacenti,  dai carabinieri della compagnia di Rimini, nell'ambito di un'operazione, denominata Ceres, che ha interessato anche le province di Forli'-Cesena, Lecce, Enna, Napoli e Livorno.

Il giudice ha disposto la custodia cautelare in carcere per quttro di loro. Gli altri tre andranno ai domiciliari.

L'indagine partì nel 2008 e ha portato all'arresto altre 15 persone. Secondo l'accusa, gli albanesi si rifornivano di droga da Milano e la spacciavano in Riviera. Tra gli acquirenti anche due transessuali italiani che a loro volta vendevano la droga alle persone con le quali consumavano rapporti sessuali, estorcendo loro del denaro contante.

I clienti hanno dichiarato che venivano minacciati di raccontare tutto alle rispettive mogli se non avessero pagato le prestazioni sessuali. (Ansa)

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pomigliano, sesso e droga minacciando di raccontare tutto alle mogli

NapoliToday è in caricamento