Pomigliano Via Roma

Pomigliano: nasce il muro dell'indignazione nell'Agvh

Il presidente: "L'Agvh continuerà a vivere e con tanta dignità e dedizione ad andare avanti. Non molliamo, lo facciamo anche per le tante persone che purtroppo non ci sono più e che hanno lottato per questa sede"

Il muro della discordia

"Oggi pomeriggio la cosa che temevamo di più è stata fatta: è sorto un muro, simbolo della discriminazione! Dividere e non avere nulla a che fare, non lascia commenti, ma solo spazio all'ignoranza!". Queste le parole scritte ieri dal presidente dell'Agvh, che pieno di indignazione, non ha potuto fare altro che esternare il proprio malessere sul web.

Molte le risposte degli utenti che hanno appoggiato l'associazione, da anni interessata esclusivamente alla tutela dei ragazzi disabili, aiutandoli ad integrarli nella società.

Il muro ha lo scopo di dividere  lo spazio occupato dai ragazzi che frequentano la struttura di via Roma dall' asilo infantile, gestito dall'ente comunale locale. " Ecco è stato costruito il muro della diversità, complimenti a chi ha fatto tutto questo per sporchi giochi politici, vergognatevi a colpire sempre i più deboli", scrive un utente sulla pagina facebook dell'associazione. " Costruiamo un muro divisorio a piazza municipio: isoliamoci da questa ciurma di bestie che ha ghettizzato un'intera città"- scrive un altro.

Intanto oggi "il pulmino partirà per andare a prendere i ragazzi/e nelle loro case, regolarmente verranno altre persone con i mezzi pubblici o con le proprie auto, regolarmente faremo le nostre attività. Perché l'Agvh continuerà a vivere e con tanta dignità e dedizione ad andare avanti. Non molliamo, lo facciamo anche per tante persone che purtroppo non ci sono più, e che hanno lottato per quella sede nel lontano 1984. Lo facciamo per chi oggi è rimasto sulla barca, e con passione porta la propria esperienza, competenza e solidarietà".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pomigliano: nasce il muro dell'indignazione nell'Agvh

NapoliToday è in caricamento