Mariglianella

Mariglianella, si è concluso il programma "Quaresima 2012"

Tutte le famiglie con il parroco si sono unite nelle Stazioni della Via Crucis testimoniando spiritualità e impegno esperienziale del vissuto umano

Quaresima 2012

Il programma della “Quaresima 2012” si è concluso nella Chiesa San Giovanni Evangelista di Mariglianella. I festeggiamenti, sono iniziati con il mercoledì delle Ceneri e la Celebrazione Eucaristica del 22 febbraio scorso e sono terminati la domenica del 22 aprile con il Vescovo S. E. Mons. Beniamino Depalma. Straordinaria è stata la partecipazione alla Via Crucis da parte del popolo dei fedeli, dell’associazionismo culturale, civile e religioso e dell’Amministrazione Comunale di Mariglianella.

Come si legge in un articolo di Marigliano.net, per la giornata del Venerdì Santo sono state predisposte le 14 Stazioni della Via della Croce a riferimento del cammino di Gesù al Golgota.  Il percorso, iniziato e concluso presso la Chiesa Parrocchiale, ha interessato le vie, tutte sottoposte a divieto di sosta: Croce, Umberto I, Materdomini, Marconi, Fermi, Dante, Roma, Parrocchia. Assai apprezzata ed emozionalmente vissuta è stata la chiusura dell’arteria viaria principale, Via Marconi, un tratto dell’antica Nazionale delle Puglie, che ha permesso al lungo corteo sacro di dispiegarsi con i simboli della fede, nella sua bellezza estetica e nell’incedere con canti e preghiere nel nome di Gesù Cristo. 

Le famiglie  si sono unite tutte nelle Stazioni della Via Crucis testimoniando la loro spiritualità e l’impegno esperienziale del vissuto umano a più voci lungo la Via della Croce. Le tematiche della vita e della morte, del vivere quotidiano e della prospettiva escatologica, della condizione dei genitori e dei gruppi familiari, del giovane e dell’anziano, dello studio e del lavoro, della fede religiosa e dell’impegno civile, della Chiesa e della società hanno trovato la accoglienza e riflessione nei pensieri dei fedeli di Mariglianella.
 
Anche il parroco, Don Ginetto a conclusione della celebrazione del Venerdì Santo ha dato la sua coinvolgente testimonianza e chiamato ognuno ad essere protagonista di una fede adulta e parte integrante di una comunità educante, nel rinnovato incontro con il Signore, ricordando che “non siamo andati a vedere un morto, ma il Vivente, Signore della Storia e dell’Uomo".

 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mariglianella, si è concluso il programma "Quaresima 2012"

NapoliToday è in caricamento