rotate-mobile
Giovedì, 30 Giugno 2022
Mariglianella Mariglianella / Via Vincenzo Caliendo

Caso Parco Di Maio, i carabinieri: "Abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare"

Il comandante: "Una volta inquadrate le case occupate abbiamo segnalato il tutto all'autorità giudiziaria dalla quale aspettiamo un eventuale ordine di sgombero"

Divaga la preoccupazione per gli abitanti del parco Di Maio riguardo le occupazioni abusive dopo il maxi sequestro delle proprietà di Nicola Di Maio, cittadino di Mariglianella. La popolazione aveva immediatamente chiamato i carabinieri per farli intervenire a risolvere la situazione.

Situazione che, come ci racconta il comandante dei carabinieri di Marigliano, non hanno la competenza di risolvere. "I carabinieri hanno fatto tutto quello che si poteva fare. Sono state tantissime le volte in cui, accorsi sul posto, ci siamo trovati ad affrontare la questione, non agevolati da nessuno, neanche dai cittadini del parco. Una volta inquadrate le case occupate e presi i nominativi, abbiamo segnalato il tutto all'autorità giudiziaria dalla quale aspettiamo l'ordine di sgombero. Senza di questo, non possiamo fare assolutamente nulla".

"Sono vicino ai cittadini che, come sempre, hanno tutto il nostro appoggio. Continueremo a fare il nostro lavoro, operando nel nome della legalità e della giustizia", ha concluso il comandante.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caso Parco Di Maio, i carabinieri: "Abbiamo fatto tutto quello che dovevamo fare"

NapoliToday è in caricamento