rotate-mobile
Pomigliano Pomigliano d'arco / Via Ex Aeroporto

Fiat Pomigliano, gli operai vogliono chiarezza: "Siamo pessimisti"

La denuncia: "A luglio scade la cassa integrazione e noi saremo senza un lavoro, la crisi di mercato non accenna ripresa. Siamo pronti a dare battaglia se necessario per difendere il nostro futuro occupazionale"

 

Pessimismo in fabbrica e malumore tra gli operai che chiedono "chiarezza": a Pomigliano le tute blu della Fiat non hanno accolto bene le comunicazioni del Lingotto sul Piano Fabbrica Italia, e chiedono "precisazioni chiare ed inequivocabili" annunciando di essere pronti a effettuare "picchetti dentro e fuori lo stabilimento se necessario".
 
"Ci hanno chiesto di scegliere con un referendum ed abbiamo votato 'si' - spiegano alcuni lavoratori della newco - ed ora la Fiat dice che il progetto Fabbrica Italia non c'é più e che cambierà le carte in tavola. Allora avevano ragione chi si opponeva?". Chi è fuori, invece, afferma di non avere più "alcuna speranza". "Siamo pessimisti - afferma Giovanni, da quattro anni in cig - a luglio scade la cassa integrazione e noi saremo senza un lavoro, perché la crisi di mercato non accenna ripresa. Siamo pronti a dare battaglia se necessario per difendere il nostro futuro occupazionale".
 
Martedì prossimo, intanto, è prevista un'assemblea pubblica a Pomigliano convocata dalla Fiom nei giorni scorsi per discutere delle prossime iniziative in difesa del lavoro.
(ANSA)
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiat Pomigliano, gli operai vogliono chiarezza: "Siamo pessimisti"

NapoliToday è in caricamento