menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Fiat Pomigliano

Fiat Pomigliano

Fiat Pomigliano: dalle vacanze alla cassa integrazione

Al rientro dalle vacanze estive, restano a casa 2200 tra operai e impiegati addetti alla produzione del nuovo modello della Panda

Dopo il periodo di vacanza cominciato i primi di agosto, gli operai della Fiat di Pomigliano ieri sarebbero dovuti rientrare in fabbrica. Qualcosa, però, è andato storto, tanto che i cancelli dello stabilimento rimarranno chiusi fino al 3 settembre.
 
Dopo le vacanze, infatti, sono rimasti a casa 2200 tra operai e impiegati addetti alla produzione del nuovo modello della Panda. In bilico gli altri 3000 dipendenti della Fiat di Pomigliano e del suo indotto in cassa integrazione già da lungo tempo. Resta ancora più drammatica la situazione della Fiat Giambattista Vico, con operai a rischio licenziamento.
 
“In questo periodo di vacanza – riferisce un sindacalista che vuole restare nell’anonimato al mediano.it – ci sono due sentimenti contrastanti: quello dell’operaio della Fip, che nonostante la cassa integrazione temporanea è sicuro di rientrare al più presto in fabbrica, e quello dell’operaio di Fiat Giambattista Vico, che questa certezza ormai non ce l’ha più".
 
C’è stato per esempio chi, come Giuseppe Terracciano, segretario generale della Fim-Cisl di Napoli e della Campania, ha più volte invocato l’arrivo a Pomigliano della produzione di un secondo modello di vettura. Sullo sfondo la questione della produzione del vecchio modello di Panda, ancora in svolgimento nello stabilimento polacco della Fiat. 
 
 
Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

  • Cronaca

    Lutto per il Gambrinus, è morta la storica cassiera

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento