Lunedì, 17 Maggio 2021
Pomigliano via ex aereoporto

Pomigliano: assunti i 19 iscritti Fiom. La Fiat: "Un paradosso"

Il Lingotto: "Si chiede di inserire altri lavoratori nonostante l'attività all'interno dello stabilimento sia sospesa"

Fiat Pomigliano

L’azienda del Lingotto ha dato il via alle procedure di assunzione dei 19 lavoratori Fiom che avevano fatto ricorso contro Fabbrica Italia per discriminazione.  Questo permetterebbe ai lavoratori Fiom, così come si legge in un articolo di Sandra Riccio de La Stampa,  "un passaggio in Fabbrica Italia Pomigliano anticipato rispetto a tutti gli altri dipendenti", garantendo alla sigla sindacale "una posizione di privilegio che non ha alcuna ragionevolezza".  

Infatti secondo la Fiat c'è un paradosso in questa situazione: l’assunzione presuppone che gli iscritti alla Fiom sottoscrivano le condizioni normative in vigore nella fabbrica, che inizialmente la stessa Fiom ha rifiutato. Inoltre la Fiom ha inviato all’azienda la lista dei suoi iscritti da cui selezionare altre 126 unità "da assumere ai sensi della sentenza della Corte d’Appello di Roma del 19 ottobre".

La Fiom chiede di assumere il 100% degli iscritti  in cassa integrazione presso Fiat Group Automobile e questo non accade alle altre sigle sindacali: "Queste percentuali - dichiara Fabbrica Italia Pomigliano - sono molto superiori a quelle di qualsiasi altra organizzazione sindacale e le assunzioni  chieste avvengono in un periodo in cui l’attività produttiva dello stabilimento è interamente sospesa".

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pomigliano: assunti i 19 iscritti Fiom. La Fiat: "Un paradosso"

NapoliToday è in caricamento