Martedì, 18 Maggio 2021
Pomigliano via ex aereoporto

Fiat Pomigliano: crisi occupazionale, assemblea mogli dei lavoratori

Le donne: "Si prospetta un futuro da disoccupati per tutti gli operai. Come compagne e come mamme, scendiamo in campo accanto ai nostri uomini per un'unica lotta: quella per il lavoro"

Forse per la prima volta nella storia della lotta operaia nella Fiat di Pomigliano d'Arco, le mogli dei lavoratori indicono un'assemblea, invitando gli operai a lottare per difendere il proprio futuro occupazionale. L'iniziativa parte dal comitato delle mogli dei cassintegrati di Pomigliano, che con una lettera pubblica, "da donna a donna", hanno invitato le 'colleghe' ad unirsi a loro, "per costruire insieme l'assemblea operaia a Pomigliano" che si svolgerà il 24 novembre, ore 10, nella Sala della Biblioteca Comunale.
 
"Oggi che nessuno fa più misteri sul fallimento del piano Marchionne - spiegano le donne - e che la Fiat si sta sfilando dall'Italia delocalizzando all'estero, si prospetta un futuro da disoccupati per tutti i lavoratori, inclusi quelli dell'indotto. Come mogli, come compagne, come mamme, e come donne operaie, scendiamo in campo accanto ai nostri uomini per un'unica lotta: quella per il lavoro a cominciare proprio dalle fabbriche Fiat". Le donne hanno anche una loro proposta a tutela dei posti di lavoro: "Nazionalizzare tutte le fabbriche del Lingotto - aggiungono - perché tutte già abbondantemente strapagate dalla collettività con finanziamenti pubblici incassati ed usati a discapito sociale".
 
Nella lettera aperta, che sarà anche inviata a casa degli operai, le donne del comitato raccontano di essersi conosciute "accompagnando i bambini a scuola, andando al mercato o dal fruttivendolo, e ci siamo ritrovate a confrontarci sui prezzi che salgono e sulla nostra battaglia quotidiana per far quadrare i conti tra libri per la scuola, ticket per la sanità e l'esigenza di arrivare a fine mese. E nello sconforto - proseguono nella missiva - ci siamo ritrovate a parlare del passato e dei primi anni di fabbrica dei nostri mariti, quando le cose non erano come oggi: i figli erano piccoli, c'erano tanti impegni, si poteva pagare il mutuo e si andava anche a mangiare la pizza di sera. Poi arrivò Marchionne con il suo 'piano'. Ci illusero sulla prossima fine degli 'stenti', ma oggi lo stesso Marchionne dichiara fallito il suo piano e il 'rilancio' di Pomigliano si è rivelato il miraggio già previsto dai nostri mariti". (Ansa)
Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fiat Pomigliano: crisi occupazionale, assemblea mogli dei lavoratori

NapoliToday è in caricamento