menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Movimento 5 stelle

Movimento 5 stelle

Assemblea pubblica del Movimento 5 stelle

Presente all'assemblea anche Luigi Di Maio, di Pomigliano d'Arco, secondo capolista di Campania 1 per la Camera dei Deputati

Il giorno 18 Dicembre 2012 si è tenuta un’assemblea pubblica organizzata dal MoVimento Cinque Stelle  di Marigliano, tra gli ospiti anche Luigi di Maio, di Pomigliano d'Arco.

Presenti alcuni capilista candidati alle prossime elezioni politiche, futuri parlamentari e senatori dello Stato che si dimostrano realmente vicini ai cittadini e dotati di grande umiltà, cosa che in politica attualmente manca. Presenti inoltre vari cittadini interessati a conoscere direttamente i candidati per porre loro alcune domande.

Primo a parlare è stato Sergio Puglia, candidato capolista della Campania per il Senato,  il quale su richiesta di un cittadino ha illustrato alcune iniziative territoriali, tutte improntante su criteri di partecipazione cittadina alle questioni che riguardano il proprio comune. Ottenendo un riscontro positivo da parte di cittadini ogni qual volta sono stati chiamati ad esprimersi su varie questioni e problematiche.

Secondo a parlare è stato Luigi Di Maio, secondo capolista di Campania 1 per la Camera dei Deputati, il quale ha detto che il M5S sta cercando di portare dei cittadini normali in politica, persone umane, fino ad ora c’erano persone che avevano alle spalle delle lobby, che determinavano la poca libertà di azione dell’eletto. Il suo attivismo comincia da prima della nascita del M5S, con la raccolta firme del primo V-Day del 2007 la cui V oggi contraddistingue il simbolo del M5S. Si chiedeva la reintroduzione delle preferenze nelle liste elettorali e la fuoriuscita dei condannati in via definitiva dal parlamento. Quella proposta è diventata un simbolo dato che oggi accusano il M5S di non voler dialogare o legarsi con le altre forze politiche.

C’era un tempo in cui gli attivisti credevano non ci fosse bisogno di candidarsi ma bastava fare delle proposte alla politica che le tenesse in considerazione, non glielo si chiedeva con le bombe, ma con una proposta di legge garantita dalla costituzione, uno strumento democratico: una proposta di legge popolare. Per anni sono tate fatte istanze, non solo allo Stato ma anche alla Regione, agli enti, e ai comuni, per stimolare il loro buon senso. A parte alcune eccezioni c’è stato soltanto un muro di gomma, allora i cittadini in questi anni si sono organizzati, Beppe Grillo ha creato il contenitore che è il suo blog.

Il M5S è il risultato di idee discusse in rete per decine di mesi, dopodiché si sono presentati alle elezioni, partendo solo con uno 0,1%, i candidati alle regionali in Emilia Romagna hanno fatto il 7%. Mentre in Campania all’inizio è andata un pò meno bene perché sappiamo come funzionano le dinamiche di voto. É un MoVimento in crescita perché cresce la consapevolezza dei cittadini di non essere ascoltati e allora l’unico modo è di proporsi in prima persona, e cercare di portare le istanze del proprio territorio in parlamento e tradurlo in proposte di legge, a prescindere se saremo al governo o all’opposizione di questo Paese.

Questo è lo spirito con cui si vive questo MoVimento; quello che fino ad ora è stato proposto alle istituzioni, occorre portarlo dentro le istituzioni attraverso dei terminali ed un network con chiunque verrà eletto. Tradurremo in proposte di legge quello che da anni propone il M5S, e cercheremo di amministrare il nostro Paese in maniera normale, ma soprattutto  umana. Ad esempio cercando di eliminare gli sprechi dovuti a scelte economiche assurde, mega pensioni e mega stipendi, e portarle su scelte economiche eque, per rimettere in moto l’economia, dandogli un carattere sostenibile.

Ultimo intervento di Salvatore Micillo, terzo capolista di Campania 1 per la Camera dei Deputati, si è occupato soprattutto di tematiche ambientali sul territorio campano. In particolare si è impegnato per il controllo dello smaltimento dei rifiuti. Tra le idee proposte in assemblea: i rifiuti zero, una mappatura completa dei siti inquinati di Marigliano e le analisi di questi siti, progetti di sensibilizzazione nelle scuole, gruppi di acquisto per le compostiere dell’organico condominiali. Inoltre ha raccontato la storia del sindaco ecologista Vincenzo Cenname di Camigliano (Ce), rimosso ma poi rieletto, per non aver affidato il ciclo dei rifiuti ad una società provinciale.  Aveva portato la sua città al 70% di differenziata fu rimosso dal suo incarico per non aver applicato la legge 26/2010 la quale stabilisce che, superata l’emergenza rifiuti, la gestione del ciclo venga affidata a società provinciali. Privatizzare la raccolta dei rifiuti, affidandola probabilmente a delinquenti non è quello che meritano i cittadini, in questo modo si nega il controllo alle amministrazioni.

La raccolta firme per sostenere la lista dei candidati alle prossime elezioni Politiche si terrà Domenica 23 e 30 Dicembre e Sabato 5 Gennaio 2013, dalle ore 9:00 alle 14:00, in Piazza Municipio. Inoltre e possibile recarsi presso l’ufficio elettorale del nostro Comune per apporre la firma, al di là delle proprie intenzioni di voto. Orari ufficio elettorale: dal Lunedì al Venerdì 9:00-13:00 il Martedì e Giovedì anche 16:00-18:00.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Rischio caduta razzo cinese, le indicazioni della Protezione Civile della Campania

Attualità

Supplica alla Madonna di Pompei: il testo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Media

    Il ritorno di Liberato: ecco "E te veng' a piglià" | VIDEO

  • Media

    Amici, il napoletano Aka7even vola in finale

  • Cronaca

    Lutto per il Gambrinus, è morta la storica cassiera

Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento