rotate-mobile
Venerdì, 20 Maggio 2022
Vicaria Pendino / Via Sant’Agostino alla Zecca

Crollo a Sant'Agostino alla Zecca: un pezzo del campanile va giù

Non si registrano danni alle persone. La chiesa chiusa al culto dal terremoto del 1980. Tre anni fa il ministro Bondi si impegnò per il restauro, ma dopo uno stanziamento di 1 milione e 600 mila non seguirono altri fondi

Un pezzo del campanile della chiesa di Sant'Agostino alla Zecca, chiusa al culto per i danni subiti dal terremoto dell'80, è crollata questa mattina sulla strada sottostante. Non si registrano danni a persone, mentre sul posto sono ancora impegnati i vigili del fuoco per i rilievi.

La struttura religiosa fu iniziata da Carlo I d'Angiò nel 1259, ma venne completata grazie a Roberto d'Angiò nel 1287. Riedificata in stile rinascimentale dopo il terremoto del 1456, fu rifatta tra il XVII secolo e il XVIII secolo.


Nel 2008 il ministro della Cultura Bondi si impegnò personalmente per il restauro di uno dei più bei templi cristiani della città. Ma dopo uno stanziamento di 1 milione e 600 mila euro necessari alla messa in sicurezza del tetto e della facciata, non seguirono altri fondi e i lavori furono sospesi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo a Sant'Agostino alla Zecca: un pezzo del campanile va giù

NapoliToday è in caricamento