rotate-mobile
Soccavo Soccavo / Via Antonino Pio

Commando armato in negozio di telefonia per farlo chiudere: due arresti

La vicenda in via Antonino Pio a Soccavo. Otto persone, con la minaccia delle armi e dell'appartenenza a clan camorristico dei Grimaldi, hanno intimato ai proprietari di chiudere l'attività

Un vero e proprio proprio commando armato, otto persone che irrompono in un negozio di telefonia per intimare ai proprietari di chiudere l'esercizio commerciale e di rinunciare alla prossima apertura di un centro scommesse. È accaduto nella tarda serata di ieri a Soccavo.

Le otto persone in sella a potenti scooter si sono avvicinati al negozio di telefonia mobile, in via Antonino Pio, e una volta entrati nell'esercizio, con la minaccia delle armi e dell'appartenenza a clan camorristico della zona, i Grimaldi, hanno intimato ai proprietari di chiudere l'attività. In zona, però, c'erano anche i carabinieri: quando se non sono accorti, gli otto sono scappati; due di loro sono stati arrestati.


A finire in manette per tentata estorsione aggravata dal metodo mafioso un 22enne già noto alle forze dell'ordine, figlio di Antonio Vigilia e nipote di Alfredo Vigilia ritenuti gli elementi apicali del clan camorristico Grimaldi operante a Soccavo e Rione Traiano, attualmente entrambi detenuti. Arrestato anche un 37enne, ritenuto affiliato al clan camorristico dei Grimaldi. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commando armato in negozio di telefonia per farlo chiudere: due arresti

NapoliToday è in caricamento