Pianura Pianura

Fischi e cori contro la squadra anticlan a Pianura: scattano le indagini

L'incontro sul campo 'Simpatia' della società napoletana Boys Pianurese: la squadra si è confrontata con la formazione juniores del club antiracket. L'assessore Tommasielli: "Sono indignata"

Stadio

Un fascicolo contro ignoti è stato aperto in merito agli slogan gridati durante una partita amichevole disputata sabato scorso a Napoli, rivolti ai carabinieri, al pm della Procura di Napoli Antonello Ardituro e alla squadra del Quarto Calcio, società nota per essere stata di proprietà di un clan ma poi rinata, ad agosto, sotto il segno della legalità. Una rinascita favorita proprio dall'iniziativa di Ardituro e del presidente, Luigi Cuomo, che è anche dirigente di Sos Impresa.

L'incontro si è tenuto sul campo 'Simpatia' della società napoletana Boys Pianurese, la cui squadra si è confrontata con la formazione juniores del club antiracket. In una nota, la Boys Pianurese esprime "totale solidarietà" e "piena vicinanza" nei confronti dei destinatari delle invettive, oltre a condannare fermamente l'atteggiamento di un "gruppo ristretto e isolato di pseudo tifosi che con il calcio non ha nulla a che vedere", dal quale prende le distanze.

"I cori rivolti a un magistrato specifico, il dott. Antonello Ardituro, - prosegue la nota - lasciano profondo dispiacere. Sono anni che Ardituro combatte in prima linea contro il malaffare e le frasi ingiuriose riservate allo stesso sul finire della gara amichevole tra Boys Pianurese e la juniores del SSD Quarto srl sono intollerabili". La società napoletana esprime, infine, la vicinanza del presidente Vincenzo Nugnes all'iniziativa "anticlan" messa in campo del presidente Luigi Cuomo con il progetto partito "Quarto per la legalità".


Anche l'assessore allo Sport del Comune di Napoli, Pina Tommasielli, ha voluto commentare l'increscioso episodio: "Esprimo tutta la mia indignazione per il gravissimo episodio di intimidazione che si è verificato sabato pomeriggio presso il campo di calcio 'Simpatia' di Pianura - dice l'assessore - ad opera di un noto gruppo di ultras che ha assestato uno schiaffo ai valori che le due squadre, Boys Pianurese e Quarto per la Legalità, hanno voluto rappresentare in quella manifestazione". "Lo sport ed il calcio in particolare, - ha sottolineano Tommasielli - in tutti i quartieri della nostra città rappresentano per la loro inclusività, un volano per la diffusione dei valori di civiltà e di crescita culturale e per nessun motivo devono essere inquinati dalla violenza e dalla tracotanza di facinorosi che approfittano di queste manifestazioni per sottolineare il disprezzo verso chi rispetta le regole e verso i Magistrati che coraggiosamente indagano sulla criminalità organizzata". (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Fischi e cori contro la squadra anticlan a Pianura: scattano le indagini

NapoliToday è in caricamento