menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

A 13 anni porta una pistola in classe e la punta a un compagno

Credeva che fosse una pistola vera e l'ha puntata alla testa di un compagno di scuola. È successo alla succursale della scuola Russo del quartiere di Pianura. Il ragazzino durante l'interrogatorio ha mostrato una spavalderia inusitata

Un bambino di 13 anni porta una pistola scacciacani in classe e l'ha puntata alla testa di un compagno di scuola a Pianura. L'aspetto inquietante della vicenda è che credeva che la pistola fosse vera.

E' un ragazzo difficile, e durante l'interrogatorio ha mostrato una spavalderia inusitata per un adolescente di quella età. Dalla parte sua c'era il padre che fino alla fine lo ha difeso dicendo: "Non può essere stato lui, gli hanno passato l'arma". I militari spiegano anche non si tratta di un episodio isolato, ma che il ragazzino ha fatto già cose del genere nella sua scuola, anche se meno gravi.

Gli insegnanti della succursale della scuola Russo del quartiere di Pianura a Napoli parlano di lui come un ragazzo difficile. A dirlo è la professoressa di matematica e dirigente della succursale, Laura Pelosi. " Il ragazzo in questione - spiega l'insegnante - è un soggetto difficile, non è la prima volta che compie atti eclatanti e nel pomeriggio è seguito da assistenti sociali in una scuola privata. Il padre - continua l'insegnante - è completamente assente, la madre fa quel che può per gestire una situazione indubbiamente complicata. Adesso - ha concluso l'insegnante - lavoreremo per riportare subito la tranquillità nella scuola e soprattutto speriamo di poter recuperare al più presto il ragazzo".
Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Dal 26 aprile tornano le zone gialle, Campania in bilico

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento