Bagnoli Bagnoli / Via Coroglio

Scontri del Primo Maggio: occasione di confronto mancata

Gli scontri a Città della Scienza hanno acuito le tensioni sociali portando all'attenzione dell'opinione pubblica nazionale la questione lavoro che a Napoli si sta facendo sempre più incandescente

Il concerto

“Hanno accusato i giovani di essere disinteressati rispetto a ciò che sta accadendo a Bagnoli, invece così, manifestando prima tra le strade del quartiere e poi cercando un confronto con i sindacati a Città della Scienza, abbiamo cercato di far sentire la nostra voce che può essere scomoda per le istituzioni”. Con queste parole alcuni giovani lavoratori e studenti universitari del gruppo eterogeneo dei manifestanti, che comprendeva Cassintegrati della Fiat di Pomigliano, lavoratori dell'Irisbus, ma anche attivisti dei movimenti napoletani schierati a favore di una "urgente" bonifica del quartiere di Bagnoli (per anni assediato dall'amianto dell'Italsider), hanno fatto irruzione durante il concerto del 1° maggio, urlando il loro dissenso contro i sindacati rei di non fare nulla per risolvere la questione lavoro a Napoli. La tensione è salita quando i manifestanti hanno deciso di scavalcare le transenne e provare a salire sul palco per far sentire la propria voce, ma invano, perché bloccati dalla polizia.

“Abbiamo chiesto di parlare, ma ce lo hanno impedito, ormai siamo in uno Stato a democrazia limitata”, sono gli slogan ascoltati più frequentemente. L’indice era puntato soprattutto contro i sindacati, colpevoli, a loro dire, di non ascoltare a sufficienza le istanze dei lavoratori. Dal canto loro, alcuni esponenti dei sindacati, presenti alla manifestazione, hanno affermato di non poter dialogare con chi “utilizza metodi aggressivi e antidemocratici che mirano solo a intimorire. C’è bisogno di serenità e dialogo e comunque abbiamo avuto modo di confrontarci con alcuni manifestanti e chiarire la nostra posizione”, ha tenuto a ribadire una sindacalista della Cgil.

IL VIDEO DEGLI SCONTRI

I manifestanti, infine, non hanno risparmiato nelle loro invettive neppure la destinazione dei fondi per la ricostruzione di Città della Scienza che, secondo il loro parere, “dovrebbero servire prima di tutto a pagare i lavoratori della Fondazione che in questi anni di gravi difficoltà economiche non hanno ricevuto lo stipendio, al posto di pensare solamente alla ricostruzione”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scontri del Primo Maggio: occasione di confronto mancata

NapoliToday è in caricamento