menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Riscaldamenti fuori uso: la protesta degli studenti del Labriola

Termosifoni sono spenti da lunedì 9 gennaio sia nella centrale che in succursale. I ragazzi sono riusciti ad ottenere un sopralluogo tecnico per verificare eventuali problemi all'impianto

Protestano gli studenti flegrei. "I termosifoni sono spenti da lunedì 9 gennaio - raccontano a NapoliToday gli studenti del liceo Arturo Labriola di Bagnoli - La temperatura interna all’edificio scolastico è stabilita dalla Legge 23/1996 e per garantire il regolare svolgimento delle lezioni, i gradi devono essere 20. Inoltre il riferimento normativo che regola l’accensione del riscaldamento è la legge n.10, scritta il 9 gennaio del 1991, la quale prevede l'accensione dei termosifoni dal 15 novembre al 31 marzo, per 10 ore al giorno".

Ieri pomeriggio al Labriola è stato effettuato un reset del sistema degli impianti di riscaldamento, "ma il malfunzionamento continua a persistere". "Pare che la ditta che ha il compito di mantenere gli impianti abbia dichiarato tutto come 'perfettamente funzionante' - spiega il rappresentante d'istituto del liceo Labriola, Matteo Di Bonito - mentre quasi la metà dei termosifoni risulta fuori uso".

Il problema non è relativo soltanto al Labriola. Luigi de Magistris ha promulgato un'ordinanza per cui le scuole possono anticipare ulteriormente l'accensione dei riscaldamenti e rimandarne lo spegnimento. Per la modifica dei timer va però fatta richiesta alla Città Metropolitana. La mail dal Labriola, riferiscono gli studenti, non è ancora partita. I ragazzi hanno ottenuto un colloquio col capo di Gabinetto: un tecnico a breve controllerà i termosifoni dell'istituto. Stesso problema anche nella succursale.

"Speriamo che, qualora la mail dovesse essere inviata - concludono gli studenti- e il tecnico dovesse andare a fare la manutenzione in centrale, ci possa essere qualche miglioramento domani. Siamo stati uniti fin ora e stiamo ottenendo qualcosa. La lotta paga, oggi come ieri. Complimenti a tutti".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Divano: a cosa fare attenzione prima di procedere all'acquisto

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento