menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rissa sul lungomare di Napoli: denunciati tre giovanissimi

Hanno 14, 15 e 16 anni. Alcuni ragazzi sono stati trovati in possesso di coltelli, della lunghezza di 22 centimetri, nascosti negli slip e nella cintola dei pantaloni

Hanno 14, 15 e 16 anni i tre giovani che, nella tarda serata di ieri, sono stati sorpresi dagli agenti del Commissariato di Polizia “S. Ferdinando”, nel corso di tafferugli avvenuti sul lungomare di Via Partenope.

I poliziotti, impegnati come di consueto nei servizi di prevenzione e controllo del territorio, su segnalazione di un Ispettore del Commissariato di Polizia S. Ferdinando, libero dal servizio, sono intervenuti per un’aggressione ai danni di un minore. L’Ispettore, poco prima dell’arrivo della volante, aveva avuto modo di osservare ed intervenire per un zuffa tra giovanissimi, scaturita a seguito di una lite, ove uno di questi veniva aggredito da un folto gruppo di coetanei.

L’arrivo della Polizia sul posto ha creato un via vai di ragazzini, tanto da costringere ad uno dei partecipanti alla zuffa, di disfarsi di un coltello a farfalla, della lunghezza di circa 14 centimetri, prontamente recuperato dagli agenti. I poliziotti hanno bloccato 6-7 giovanissimi, due dei quali, trovati in possesso di coltelli, della lunghezza di 22 centimetri, abilmente nascosti negli slip e nella cintola dei pantaloni, così come un terzo giovane, fermato nella vicinissima Via Tommaseo, sorpreso mentre stringeva tra le mani un coltello.

Uno dei giovani fermati, con l’esattezza un 16enne, è stato riconosciuto dalla vittima come uno dei suoi aggressori. Gli agenti hanno denunciato, in stato di libertà, tre minori perché responsabili di detenzione e porto ingiustificato di coltello. Uno di loro è stato anche denunciato per il reato di lesioni personali nei confronti della vittima. Tutti i giovanissimi, fermati dalla Polizia, sono stati affidati ai rispettivi genitori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento