Martedì, 18 Maggio 2021
San Ferdinando San Ferdinando / Via Nazario Sauro, 23

La Spagna patrimonio Unesco in mostra al Cervantes

Attraverso 39 scatti José Manuel Navia racconta le 13 cittadine iberiche patrimonio dell'umanità. "Il passato spagnolo di Napoli m'interessa molto", spiega il fotografo

Uno degli scatti di Navia

Con trentanove fotografie José Manuel Navia racconta, attraverso lo sguardo rilassato del viaggiatore, le tredici città spagnole rese dall'Unesco "patrimonio dell'umanità": la sua mostra verrà inaugurata domani sera, alle 19, all'istituto Cervantes, per restare lì allestita fino al 18 dicembre. "Il progetto è nato su proposta della Fabrica, il centro culturale madrileno che mi ha chiesto di posare uno sguardo sulle tredici città spagnole scelte dall'Unesco – spiega il fotografo – Da qui è nata la mostra e anche un libro fotografico".

Le città in questione sono Alcalá de Henares, µvila, Cáceres, Córdoba, Cuenca, Ibiza, Mérida, Salamanca, S. Cristóbal de La Laguna, Santiago de Compostela, Segovia, Tarragona e Toledo. "Le ho osservate - prosegue Navia - con l'occhio di un viaggiatore e non di un turista, prendendomi quindi il tempo per coglierne con calma gli elementi significativi, a volte può essere un monumento, altre volte semplicemente angolo che mi ha colpito in quel momento. L'idea è quella di non guardare solo ai monumenti storici come può fare una guida turistica ma cogliere lo spirito di una città viva, costruita attraverso la propria storia ma fatta anche dalle persone che la vivono in questo momento".

Emerge dal suo obiettivo il peso della storia di questi luoghi, che ha portato l'Unesco a considerarle uniche. Con esso anche il modo di vivere degli abitanti. "È l'unico modo – conferma Navia – per cogliere la relazione tra il passato e il presente, vedendo le città come scenario della storia ma anche della contemporaneità".
La mostra riapre il programma culturale del Cervantes di Napoli dopo la pausa estiva. Dopo la tappa napoletana andrà a Roma, ed è già stata a Istanbul, Nuova Delhi, Tunisi e Mosca. Per Navia la tappa italiana è anche l'occasione per scoprire Napoli: "Il passato spagnolo di Napoli mi interessa molto – spiega – visto che la città ha una storia assolutamente parallela a molti centri del sud della Spagna".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Spagna patrimonio Unesco in mostra al Cervantes

NapoliToday è in caricamento