Chiaia San Ferdinando / Piazza del Plebiscito

“Per far rinascere Piazza del Plebiscito bisogna ripartire dal colonnato”: l’intervista

Salvatore Trinchillo, Presidente provinciale della Federazione Italiana Pubblici Esercizi, illustra a NapoliToday la sua personale ricetta per la riqualificazione della piazza simbolo della città partenopea

Piazza Plebiscito

Da qualche giorno Piazza del Plebiscito è al centro di un dibattito quanto mai vivace. Dopo le polemiche innescatesi tra la Sovrintendenza ed il Sindaco de Magistris sulla questione "grandi eventi" a seguito del concerto di Bruce Springsteen e dopo gli appelli lanciati per salvare la piazza, negli ultimi giorni si sono susseguiti alcuni incontri tra le varie componenti in ballo, quali Piazza del Plebiscito nel degrado: vertice 6 giugno 2013
Prefettura, Comune, Soprintendenza, Demanio
e associazioni commercianti, al fine di trovare quei punti d'interesse comuni, necessari per regalare ad uno dei simboli cittadini per eccellenza un futuro migliore.

In merito alla questione della riqualificazione di Piazza del Plebiscito, NapoliToday ha ascoltato il parere di Salvatore Trinchillo, Presidente provinciale della Federazione Italiana Pubblici Esercizi: "Il miglior antidoto al degrado degli spazi pubblici è il loro utilizzo - esordisce Trinchillo - purchè sia rispettoso delle caratteristiche storiche, architettoniche e paesaggistiche dell'area. L'abbandono conduce inevitabilmente al degrado, ed è ciò che è puntualmente accaduto in Piazza Plebiscito".

"La piazza - spiega Trinchillo ai microfoni di Napoli Today - va rivitalizzata a partire dall'uso degli spazi del colonnato. Pensiamo ad esercizi commerciali che siano anche un fattore di attrazione e un punto di incontro e di socializzazione, come bar, piccoli ristoranti, caffè letterari, librerie, esercizi commerciali e botteghe artigianali con un'offerta particolare, in grado di attrarre cittadini e turisti. Un esercizio commerciale ordinariamente non avrebbe interesse a collocarsi sotto il colonnato, poiché non è un'area di passeggio. Per questo motivo nel colonnato di S. Francesco di Paola occorre un'offerta commerciale che, per la sua particolarità, sia in grado di attirare i clienti".

"La cosa più importante ora - prosegue - è censire gli spazi e verificare per quali tipo di attività sono adatti: non tutti, per esempio potrebbero avere le caratteristiche per ospitare un caffè, mentre potrebbero andar bene per attività commerciali meno complesse dal punto di vista dei requisiti strutturali ed igienico-sanitari. Inoltre, occorre superare rapidamente le pastoie burocratiche: bisogna creare un tavolo con tutti gli Enti interessati (Comune, Sovrintendenza, Prefettura, etc.) e le Organizzazioni degli imprenditori per valutare le soluzioni tecnicamente fattibili e, a partire da queste, individuare le opportunità di investimento ed i potenziali investitori".

"Per quanto riguarda gli eventi - conclude Trinchillo - siamo favorevoli al loro svolgimento nella piazza, ma a certe condizioni: che non ne mettano a rischio l'integrità ed il decoro, che siano eventi di alto profilo, e che siano programmati con mesi di anticipo in modo che possano essere utilizzati dai tour operators per la promozione turistica della città. Inoltre, riteniamo che occorra incrementare gli eventi gratuiti, anche se comprendiamo che alcune manifestazioni devono per forza prevedere un ingresso a pagamento".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Per far rinascere Piazza del Plebiscito bisogna ripartire dal colonnato”: l’intervista

NapoliToday è in caricamento