rotate-mobile
Lunedì, 28 Novembre 2022
Chiaia San Ferdinando / Via Partenope

I pizzaioli sfidano il maltempo: kermesse sul lungomare alla ricerca del record

L'obiettivo è preparare una pizza lunga due km: dopo il rinvio causa pioggia di domenica scorsa, ci riprovano oggi dalle 9 alle 20. Possibile anche firmare la petizione perché la pizza diventi patrimonio Unesco

Duecento pizzaioli, italiani e stranieri, alla ricerca del record: realizzare una pizza lunga più di due km sul lungomare Caracciolo. L'evento, inizialmente previsto domenica scorsa, ha dovuto fare i conti col maltempo ed è stato rinviato ad oggi, dalle 9 alle 20.

Una sfida difficile, per cui verranno utilizzati almeno 1.500 litri di acqua pubblica di Napoli, 2mila chili di farina Stg (specialità tradizionale garantita), 1.600 chili di pomodoro, 2mila chili di fiordilatte, 200 litri di olio e 30 chili di basilico.

Pizza da record sul Lungomare (Foto Face)

Possibile, nel corso della kermesse (a partire dalle 12, in diversi centri raccolta), firmare la petizione per il riconoscimento dell'Arte dei pizzaiuoli Napoletani nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell' Unesco, idea del presidente della Fondazione UniVerde Alfonso Pecoraro Scanio, con il sostegno di Coldiretti e dell'Associazione Pizzaiuoli Napoletani. L'obiettivo è raggiungere il milione e mezzo di firme.

Soltanto la scorsa domenica, nonostante la pioggia, sono state raccolte più di 2mila adesioni.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I pizzaioli sfidano il maltempo: kermesse sul lungomare alla ricerca del record

NapoliToday è in caricamento