menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lydia Cottone

Lydia Cottone

Mostre: "Momenti di liberazione" per la celebrazione del 70° anniversario delle Quattro Giornate di Napoli

La kermesse vedrà l'esposizione di tredici opere scultoree realizzate dall'artista napoletana di fama internazionale Lydia Cottone

Dal 28 al 30 settembre il Pan ospita la mostra curata dall'associazione Nemeton Onlus, "Momenti di liberazione", che prevede un'esposizione di tredici opere scultoree realizzate tra gli anni settanta e ottanta del secolo scorso, dall'artista napoletana di fama internazionale Lydia Cottone.

Opere scelte perchè, in occasione delle 70° anniversario delle Quattro Giornate di Napoli che l'Amministrazione Comunale si accinge a celebrare, meglio esprimono il senso di ricerca, di autenticità e libertà dell'artista.

"Momenti di Liberazione", come Lydia frequentemente usava indicare il suo tempo dedicato al lavoro. Una mostra di opere che esprimono speranza, impegno e tenacia, evidenziando il carattere sensibile e deciso dell'artista che con grande capacità di visione incoraggia alla vita, anche quando tutto sembra negarla. Opere che per grandezza e espressività testimoniano il desiderio di andare oltre. oltre i limiti della materia e delle forme, a partire dal passato che dalla materia emerge, attraversando la durezza della pietra e dei metalli. Riuscire a guardare oltre anche solo attraverso un piccolo foro. Semplice foro come punta di un iceberg di luce. Superare la durezza della pietra e della vita con le mani e il con il cuore nudo e con tutto l'anima, andando anche oltre il dolore e la sofferenza dei momenti della liberazione. Era difficile cercare la luce dopo l'olocausto di Kolyma e di Auschwitz, dopo che l'uomo era stato capace di tanto nei confronti del più debole, dopo decenni atroci.

Le opere di Lydia sembrano essere animate dalla stessa forza e volontà di andare oltre, di volersi liberare da ogni ostacolo paralizzante, di trovare un senso per la condizione umana attraverso la capacità di trascendere il reale senza ignorarlo. La stessa forza che ha animato i sentimenti e le azioni di donne, uomini, bambini e anziani che durante le quattro giornate sono stati più potenti dell'acciaio e del fuoco nemico. Un accostamento di sentimenti ed emozioni che avvicinano la pulsione artistica di Lydia al desiderio di nuova vita degli insorti, come lei stessa a parole testimoniava al marito quando provava forte umiliazione e vergogna nel sentirsi "essere umano simile a quelli che avevano attuato l'olocausto". Tutta la vita di Lydia ha testimoniato la sua attenzione verso gli emarginati. Attraverso il suo lavoro, attraverso la sua maestria ha donato importanza ad oggetti della natura a prima vista marginali, poveri come pietre, metalli, legni, tessuti che, toccati dalla sua arte, ridisegnavano forme e senso, apertura e continuo rimando emotivo, nobilitando l'umiltà con l'attenzione rivolta alle ferite, al disagio, alla sofferenza e alla bellezza dell'armonia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Tony Colombo, l'annuncio: "A fine mese dirò addio alle scene musicali"

Attualità

Anm, via alla nuova linea bus 602 sulla tratta Garibaldi-Dante

social

Lotto, estrazione di lunedì 3 maggio 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento