rotate-mobile
Mercoledì, 21 Febbraio 2024
Chiaia Chiaia / Vico Antonio Serra

Crollo Riviera Chiaia, la protesta delle donne di Vico Maradona: "Trattate come bestie"

Nonostante le rassicurazione ricevute e il prolungamento del soggiorno in albergo, mancavano acqua, luce e gas nelle abitazioni che risultavano dunque inabitabili

La protesta scatenata questa mattina dai residenti di via Antonio Serra, anche conosciuta come "vico Maradona a Chiaia", che dovevano rientrare oggi nelle proprie abitazioni, dopo il crollo del 4 marzo, è stata placata dopo le rassicurazioni ricevute da parte del responsabile dei lavori della metro, che ha promesso di provvedere ai lavori di allacciamento delle utenze entro lunedì e di prolungare nel frattempo il soggiorno delle famiglie colpite nelle strutture alberghiere in cui alloggiavano.

Le donne, questa mattina, nel momento di rientrare a casa, hanno fatto la scoperta che nelle proprie abitazioni mancavano acqua, luce e gas e risultavano dunque inabitabili. Le rassicurazioni comunque non placano la loro rabbia: "Ci hanno fatte venire oggi dicendo che potevamo tornare a vivere nelle nostre case, ma credo ci abbiano prese per bestie - lamenta una 80enne- se pensavano che potessimo stare in una casa senza acqua, luce, gas e lurida, visto che sono due mesi che è rimasta chiusa. Siamo gente anziana, dovevano risparmiarci di venire oggi fin qui".

Protesta in Vico Maradona 17.05.2013 © N. Clemente/NapoliToday


 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Crollo Riviera Chiaia, la protesta delle donne di Vico Maradona: "Trattate come bestie"

NapoliToday è in caricamento