AvvocataToday

Incendio nella discoteca della Stazione Marittima, intossicate tre persone

Le fiamme, dovute ad un corto circuito, si sono propagate all'interno del capannone. Il rogo è stato domato in poco tempo

Paura nel pomeriggio di ieri alla Stazione Marittima di Napoli. Come riportato dal Mattino un incendio, probabilmente dovute a un corto circuito, si è sviluppato intorno alle 16.20 in un deposito di un terminal in disuso adibito a discoteca.

Sono intervenuti sul posto i vigili del fuoco, un'unità del 118 e i carabinieri del comando provinciale di Napoli.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'incendio è stato domato in breve tempo. Danni ad alcuni materiali conservati sul posto, tra cui boe, gomme e strumentazioni marittime. Tre dipendenti della Stazione Marittima sono rimaste intossicate, lievemente, dal fumo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' lockdown, De Luca: "Chiudo tutto già ora in Campania. Siamo a un passo dalla tragedia"

  • Divieto di spostamento tra province in Campania e zona rossa: ecco l'ordinanza n.82

  • In duemila protestano sotto la sede della Regione e violano il coprifuoco: scontri con le forze dell'ordine

  • Coronavirus, la nuova ordinanza del Presidente De Luca: gli orari previsti per le attività

  • Mascherine chirurgiche Made in Italy e KN95: ecco dove acquistarle scontate

  • Nuova ordinanza di De Luca: confermato il coprifuoco e stop all'asporto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
NapoliToday è in caricamento