menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Senza tetto accampati nelle poste centrali: 3 arresti

Si erano accampati nell'edificio centrale delle Poste, a Napoli, dopo aver sfondato il cancello: tre cittadini dello Sri Lanka sono stati arrestati per furto, danneggiamento e occupazione abusiva

Furto aggravato, danneggiamento e occupazione abusiva: con queste accuse sono stati arrestati tre cittadini dello Sri Lanka che si erano accampati nell'edificio centrale delle Poste, dopo aver sfondato il cancello.
Si tratta di tre senza fissa dimora. I poliziotti erano giunti alle Poste Centrali di Piazza Matteotti su segnalazione di un responsabile del plesso che aveva segnalato la presenza di persone all'interno dell'edificio (su Via Monteoliveto). Al loro arrivo, ben nascosti dietro alcune auto in sosta per non farsi notare, gli agenti hanno scoperto che tre persone bivaccavano all'interno dei locali e per accedervi avevano rotto le sbarre del cancello. I tre ospiti abusivi della struttura delle Poste, avevano anche tranciato una condotta idrica e se ne stavano tranquillamente servendo.
I tre si erano anche allacciati alla rete elettrica interna e con una serie di cavi elettrici volanti stavano alimentando lampade telefonini e alcuni elettrodomestici. I poliziotti hanno inoltre notato che all'imbocco dei locali c'era un capitello di marmo, asportato dalla parte storica dell'edificio: era stato utilizzato per sfondare il cancello. All'interno sono stati inoltre trovati numerosi secchi e bidoni tutti colmi di acqua sottratta abusivamente. Arrestati e condotti presso gli uffici della polizia scientifica, gli stranieri sono risultati tutti e tre clandestini. In particolare D. è risultato essere destinatario di un'ordinanza di espulsione dal territorio italiano del 30 marzo 2009; mentre V. è risultato essere stato già arrestato lo scorso 12 marzo, dagli agenti dello stesso commissariato, per detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente.

In seguito al processo con rito direttissimo, i tre cittadini dello Sri Lanka sono stati condannati ciascuno a 6 mesi di reclusione ed al pagamento di 800 euro di multa. Dopo la lettura della sentenza di condanna, il magistrato ha disposto il loro rilascio.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Vaccini agli over 60, al via le prenotazioni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

NapoliToday è in caricamento