rotate-mobile
Porto Via Nuova Marina

Turista morto, Confesercenti: "Rabbia e dolore"

Si legge in una nota: "Oggi è il giorno del dolore e della rabbia. Non dovranno mancare nei prossimi giorni le indispensabili occasioni per ristabilire le condizioni minime affinché nella città si possa lavorare con tranquillità"

La Confesercenti di Napoli esprime "dolore e rabbia" per la morte del turista americano aggredito il 18 maggio scorso in via Marina.

"Il primo pensiero è rivolto alla moglie ed alla famiglia di Antonio Oscar Mendoza, intorno alla quale ci stringiamo in un pensiero affettuoso, a nome di tutte le imprese che essa rappresenta. Oggi è il giorno del dolore e della rabbia. Non dovranno mancare nei prossimi giorni - aggiunge la Confesercenti - le indispensabili occasioni per ristabilire, una volta per tutte e tutti insieme, le condizioni minime e non più differibili affinché nella città si possa lavorare con tranquillità e la si possa visitare serenamente, godendone le risorse e le potenzialità".


"La città di Napoli - conclude la nota - deve trarre spunto anche da questo tragico sacrificio per reagire affinché situazioni simili non si ripetano più, ed anche per aggredire ed eliminare alla radice i fenomeni malavitosi e criminali, e le condizioni nelle quali essi nascono e proliferano". (ANSA)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Turista morto, Confesercenti: "Rabbia e dolore"

NapoliToday è in caricamento