rotate-mobile
Domenica, 22 Maggio 2022
Pendino Pendino / Via Duomo

Rubato l'albero di Natale al Duomo

Una babygang di criminali ha portato via l'altra notte l'abete natalizio completo di luminarie, regalato dalla Camera di Commercio al Duomo di Napoli. Indignazione tra i residenti della zona

Ancora un triste episodio firmato dalle baby gang napoletane. L'altra notte, infatti, è stato portato via dal sagrato del Duomo di Napoli, il bellissimo albero di Natale offerto dalla Camera di Commercio.

L'abete, completo di luminarie e decorazioni, è stato letteralmente sradicato dal vaso e portato via da giovani criminali in motorino. Ad assistere alla scena, come spiega il Giornale di Napoli, qualche residente che prima ha chiesto ai giovani di lasciare l’albero al suo posto, poi, dopo aver subito le minacce del gruppo, ha chiamato le forze dell’ordine.

Nulla da fare, però: con ogni probabilità la volante è giunta tardi sul posto e l’albero sparito, non è stato ancora ritrovato. Intanto, protestano commercianti e residenti che chiedono più presidi delle forze dell’ordine e maggiore attenzione da parte di Palazzo San Giacomo.

"La strada, da quando è partito il provvedimento della Ztl - spiega al Giornale di Napoli Gino Guadagno, presidente dell’associazione di residenti “Vivi via Duomo” - è lontano dagli interessi delle istituzioni. Manca un presidio serio delle forze dell’ordine e nonostante la Ztl ci sono auto parcheggiate in doppia fila e taxi che sfrecciano".

Proprio i commercianti erano finiti nel mirino della babygang, qualche giorno prima, dopo aver messo all’esterno dei negozi degli alberelli di Natale, tutti rubati e successivamente ritrovati, dopo qualche giorno, al rione Sanità.

"I ragazzi dei Quartieri o della Sanità - conclude Guadagno - rubano tutti gli alberi, poi li nascondono o accatastano da qualche parte e li fanno seccare, per poi bruciarli in occasione del “cippo di Sant’Antonio”.

 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rubato l'albero di Natale al Duomo

NapoliToday è in caricamento